Home » Internazionale, Italia, News » ICS preoccupata dall’incidente di salvataggio dei migranti del Mediterraneo

ICS preoccupata dall’incidente di salvataggio dei migranti del Mediterraneo

Londra- L’International Chamber of Shipping (ICS), che rappresenta l’industria del trasporto marittimo a livello globale, è molto preoccupata per le notizie secondo le quali una nave mercantile, la petroliera di bandiera di Palau ‘Elhiblu 1’, è stata rilevata e dirottata da migranti salvati nel Mar Mediterraneo, e che avrebbe dovuto riportare in Libia circa 100 persone salvate. L’intervento di recupero e salvataggio era avvenuto in acque S.A.R. (Search And Rescue) della Libia.

La Segreteria generale dell’ICS, in diretto contatto con gli organi interessati, sta ancora definendo i dettagli dell’incidente occorso alla nave. ICS accoglie con favore le prime segnalazioni circa i provvedimenti presi dalle Autorità di Malta per garantire una risoluzione sicura della situazione, sia nei confronti della nave ed equipaggio e sia per i migranti.

Il segretario generale dell’ICS, Guy Platten, ha dichiarato: “ICS è impegnata a osservare attentamente gli sviluppi di tale caso di salvataggio, del tutto ‘anomalo’, e cercherà di sollevare critiche e sollecitare risoluzioni pratiche verso l’Organizzazione Marittima Internazionale delle Nazioni Unite, proprio durante la prossima sessione, in programma a giorni a Londra”.

Per il segretario generale dell’ICS si spera che il caso di questa nave  rimanga un incidente isolato e che comunque pone un problema da evidenziare e risolvere: “Se una nave è diretta – come da ordini SAR – in Libia per far sbarcare persone salvate in acque libiche, e questo crea un potenziale conflitto tra l’equipaggio e persone disperate e frustrate che hanno obiettato di essere restituite alla Libia, come deve essere chiamato detto conflitto, se non ‘atto di pirateria’?

Il comandante e l’equipaggio della nave soccorritrice possono essere facilmente sopraffatti?” I comandanti delle navi mercantili si aspettano, secondo al Convenzione di Amburgo, le norme internazionali IMO e SOLAS  sui salvataggi in mare, che le Autorità di ricerca e salvataggio degli Stati costieri di un’area SAR coordinino e provvedano allo sbarco in un porto sicuro, sia per i soccorritori che per i marittimi coinvolti nel salvataggio.

ICS pone l’accento che i marittimi imbarcati a bordo di navi mercantili (e non navi ONG dove non imbarcano marittimi, ma volontari), coinvolti in tali incidenti, sono dei lavoratori civili; possono essere colpiti da traumi, avendo rispettato un loro obbligo legale e umanitario di salvare vite umane in mare. E si ricorda che moltissime navi mercantili sono state impegnate in operazioni di soccorso su vasta scala nel Mediterraneo, e che hanno salvato decine di migliaia di vite umane dall’inizio della crisi del 2015.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. IMO sui migranti all’Assemblea UN
  2. IMO ancora una nota sui migranti per mare
  3. MARINA MILITARE: LE NAVI GRECALE E AVIERE IN ASSISTENZA SANITARIA A MIGRANTI
  4. International Chamber of Shipping: Mediterraneo mare di migrazione
  5. IMO: Guida al salvataggio in mare

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=59598

Scritto da Abele Carruezzo su mar 29 2019. Archiviato come Internazionale, Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab