Home » Europa, News » Acqua, Costa a Unesco: “E’ il diritto dei diritti. Chi lucra con essa mercifica la vita”

Acqua, Costa a Unesco: “E’ il diritto dei diritti. Chi lucra con essa mercifica la vita”

Il Ministro alla Conferenza internazionale Unesco sull’acqua: “No alla massimizzazione del profitto”

Parigi – “Quasi 1,4 milioni di persone muoiono ogni anno a causa di malattie associate all’acqua potabile contaminata; 3 persone su 10 non hanno accesso all’acqua potabile, 6 persone su 10 non hanno servizi igienici sicuri. La malattia che stronca la vita al maggior numero di bambini al mondo è l’assenza di acqua oppure la sua contaminazione. Così stiamo uccidendo la speranza”, lo ha detto il ministro dell’Ambiente Sergio Costa a Parigi per l’International water conference di Unesco.

“Le crisi idriche spostano ogni anno circa 70 milioni di persone, numero raddoppiato negli ultimi 50 anni. Le stesse crisi idriche generano conflitti sanguinari con un incremento del 150% dal 2000 al 2018. L’acqua è sopravvivenza e rappresenta un diritto umano inalienabile eppure parliamo ancora di un bene commerciale sul quale ottenere la massimizzazione del profitto, come si potrebbe fare per qualsiasi prodotto posto in commercio”.

“Il tema della gestione dell’acqua dunque, così come della qualità dell’aria, rappresenta la sfida principale verso la quale istituzioni e cittadini devono agire assieme”.

«È necessario – spiega Costa – sviluppare il sistema di controllo e monitoraggio sulle forniture, gestione e distribuzione dell’acqua, anche al fine di superare pericolosi meccanismi di aggregazione che tendono alla privatizzazione estrema impoverendo i territori; ridurre sprechi e disposizioni con introduzione di tecnologie moderne; incentivare investimenti per le ristrutturazioni delle reti idriche; assicurare al cittadino, attraverso una piattaforma aperta, tutte le informazioni e i dati ambientali di gestione della risorsa acqua.

In ultimo, ma il più importante, pianificare e definire norme di diritto internazionale e nazionale che definiscano l’acqua bene pubblico inalienabile. È l’impegno dell’Italia nel contesto internazionale, planetario ed europeo. È attualmente in discussione parlamentare proprio un progetto di Legge che va in questa direzione – conclude il Ministro – . L’acqua è vita e chi lucra con l’acqua mercifica la vita ed è nemico dell’umanità. L’Italia non vuole avere le mani intrise della sofferenza del mondo”.

Leggi anche:

  1. Il Circolo Velico Ravennate e A.M.A. La Vita raccolgono fondi
  2. Porto di Venezia: ambientalisti a Unesco, città tra siti in pericolo
  3. International Year of Light: Club UNESCO Brindisi organizza “Una Luce dalla Costa. I Fari Italiani”
  4. Più diritti ai lavoratori marittimi
  5. Unesco sbarca dalla “Concordia”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=61277

Scritto da Redazione su mag 14 2019. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab