Home » Eventi, Internazionale, Marinas, News » Il navigatore oceanico Gaetano Mura trasformato in pesce, “Pesce fuor d’acqua”, dalla moglie fotografa Carla de Gioannis

Il navigatore oceanico Gaetano Mura trasformato in pesce, “Pesce fuor d’acqua”, dalla moglie fotografa Carla de Gioannis

Un racconto di mare e di plastica

Il corpo del velista oceanico Gaetano Mura trasformato in pesce, un pesce avvolto e coperto dalla plastica. La nuova condizione della fauna marina. La serie di ritratti sono firmati ed opera di Carla de Gioannis, fotografa e compagna dello sportivo, anche lei atleta, a 51 anni ha vinto il titolo mondiale di nuoto nella categoria master, e profondamente amante del mare.

“Pesce fuor d’acqua” è il titolo di questo  progetto fotografico di Carla de Gioannis  e Gaetano Mura. Sportivi, compagni di vita e di avventure marine. Le sempre più precarie condizioni del Mediterraneo e degli Oceani – l’8 giugno è la giornata mondiale degli oceani – hanno ispirato la coppia. “La plastica  e la microplastica satura i nostri mari più rapidamente  di qualsiasi altra forma di inquinamento” sostengono i due compagni di vita.

Nella sequenza delle immagini scattate da Carla De Gioannis è forte  il paradosso nel contrasto tra questa materia che sta invadendo  il nostro pianeta ed un ambiente ancora straordinario che tenta di difendersi disperatamente. “Il pesce si trasforma in uomo  e l’uomo in pesce, nel corpo di Gaetano Mura, marinaio e navigatore – sottolinea Carla -. Una metamorfosi di sopravvivenza istintiva alla ricerca di un mondo senza  la plastica che lo sta lentamente soffocando”.

“Tutta la plastica necessaria per il nostro progetto è stata recuperate in mare e tra le scogliere.  Questa è stato tristemente la parte più semplice e rapida  del nostro lavoro. abbiamo viaggiato per la Sardegna, la nostra isola, alla ricerca di luoghi ancora relativamente poco  coinvolti da questo fenomeno dilagante. Proprio questi luoghi straordinari possono essere un forte simbolo di speranza e d’ispirazione per sensibilizzare tutti  partendo dai piccoli gesti personali per poi dilagare su scale più grandi”.

Il lavoro è solo all’inizio: “Ci siamo appassionati al nostro progetto tanto da intravederne un  working progress  che  partendo dalle coste della nostra isola possa proseguire in altri luoghi del  pianeta coinvolgendo  persone  come il pesce rosso  che nella persona di Martina Ardizzoni si è prestata per alcuni scatti”.

Leggi anche:

  1. GAETANO MURA ELETTO VELISTA DELL’ANNO 2017 A SANTA MARGHERITA LIGURE
  2. Gaetano Mura Solo: “Il navigatore solitario si racconta”
  3. Gaetano Mura Solo. Mostra fotografica a Cagliari
  4. PER GAETANO MURA E ITALIA I SALUTI DALLA SALA OPERATIVA DELLA GUARDIA COSTIERA
  5. Mare SottoSopra: vela e apnea si incontrano a Bologna con Gaetano Mura e Davide Carrera

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=62413

Scritto da Redazione su giu 6 2019. Archiviato come Eventi, Internazionale, Marinas, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab