Home » Italia, News » La storia del Mah Jong ritorna alle sue origini al Terminal Container Ravenna

La storia del Mah Jong ritorna alle sue origini al Terminal Container Ravenna

La troupe cinematografica del regista Gerardo Lamattina sta realizzando il film “Il Drago di Romagna” sulla storia del gioco del Mah Jong arrivato a Ravenna nel secolo scorso dalle navi cinesi che approdavano al porto, ed ha scelto di girare alcune scene proprio all’ interno del Terminal Container Ravenna.

Incontrando attori, tecnici e regista il presidente Giannantonio Mingozzi ha dichiarato ‘’ci fa piacere che in un contesto tecnologico e moderno come il nostro terminal trovi adeguata ambientazione la storia singolare del Mah Jong e della sua diffusione iniziata nel nostro porto; una sorta di antesignano, il Mah Jong, sulla Via della Seta di cui tanto si parla oggi ma che tra Ravenna e Shangai ha avuto inizio già nel secolo scorso’’.

Il regista ha scelto quale protagonista del film la ravennate Dilva Ragazzini, “al TCR abbiamo ambientato una delle scene più significative del film, tra grandi gru e scenario portuale, i container assomigliano molto alle pedine del Mah Jong sulle stecche del tavolo da gioco”.

Con l’apertura della Cina al resto del mondo, a partire dal 1900 il Mah-Jong si è poi diffuso lungo le principali rotte commerciali raggiungendo Stati Uniti ed Europa e in particolare Ravenna, conferma dell’enorme sinergia commerciale da sempre esistita tra la realtà cinese e il nostro territorio.

Leggi anche:

  1. Nuove connessioni intermodali per il terminal Contship a Ravenna
  2. Terminal Container di Vado Ligure al via il 12 dicembre 2019
  3. Porto di Ravenna: dispositivo antiesplosivo al Terminal crociere
  4. Porto di Ravenna: traffico stabile e incremento container del 10%
  5. PORTO DI RAVENNA: TRAFFICO IN LUGLIO ANCORA IN RECUPERO (+1% con i container al +28%)

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=64205

Scritto da Redazione su lug 10 2019. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab