Home » Infrastrutture, Italia, News » Regione Campania: Zes, firmato a Venticano il protocollo di intesa per il rilancio delle aree industriali irpine

Regione Campania: Zes, firmato a Venticano il protocollo di intesa per il rilancio delle aree industriali irpine

E’ stato siglato ieri nella Cavea Teatrale di Venticano in provincia di Avellino, alla presenza del Presidente della Giunta Regionale Vincenzo De Luca, dell’Assessore regionale Antonio Marchiello, di 40 Sindaci dell’area e del Presidente del Consorzio Asi Vincenzo Sirignano, un protocollo d’intesa finalizzato a favorire l’adozione e la realizzazione di interventi utili al rafforzamento della competitività del sistema economico dei Comuni interessati ed in particolare di determinate aree industriali e PIP (Piani di Insediamento Produttivo).

Il Protocollo d’Intesa, il primo di una serie di accordi con gli enti locali delle diverse province campane, punta al rilancio di quegli agglomerati industriali che, sebbene non inclusi nel perimetro della Zes Campania, possono in virtù della loro collocazione a ridosso della stessa avvantaggiarsi del percorso attuativo della zona economica speciale nell’ottica della semplificazione dei procedimenti per garantire la realizzazione, in tempi certi, dei progetti di investimento nelle aree industriali e l’assistenza degli investitori.

“La Campania è stata la prima Regione in Italia ad aver approvato la Zes – spiega De Luca – ed oggi è impegnata ad ottenere un’integrazione finanziaria rispetto alla dotazione iniziale. Per i prossimi due anni, infatti, sono appostati dal Governo non più di 150 milioni di euro per tutte le Zes d’Italia e in queste condizioni è difficile immaginare il decollo delle zone economiche speciali. Dunque la prima battaglia sarà per avere più risorse. Contestualmente lavoreremo per ridefinire, per quanto possibile, i confini della Zes.

Col protocollo appena firmato cerchiamo di dare ulteriore sostegno al territorio parificando la situazione di quelle aziende che si trovano all’interno delle zone economiche speciali con quelle che invece si trovano a ridosso delle stesse, sia dal punto di vista della semplificazione burocratica che degli incentivi su Irap, innovazione tecnologica ed efficientamento energetico. Da parte nostra uno sforzo enorme per mettere in condizione i nuclei industriali dell’aree interne di essere competitivi e attrattivi di nuovi investimenti”.

Questi i quaranta Comuni hanno aderito all’iniziativa: Avellino, Altavilla Irpina, Ariano Irpino, Atripalda, Bonito, Calabritto, Calitri, Capriglia Irpina, Cervinara, Contrada, Conza della Campania, Flumeri, Frigento, Grottaminarda, Grottolella, Lacedonia, Lioni, Luogosano, Manocalzati, Melito Irpino, Mercogliano, Mirabella Eclano, Montefalcione, Montefredane, Morra De Sanctis, Gesualdo, Nusco, Pietradefusi, Prata Principato Ultra, Pratola Serra, Rotondi, San Mango sul Calore, San Martino Valle Caudina, Sant’Angelo dei Lombardi, Serino, Solofra, Sturno, Torre le Nocelle, Venticano, Villamaina.

Leggi anche:

  1. Ambiente: Scoccimarro, pronto protocollo intesa progetto “aMare Fvg”
  2. Regione Puglia: Approvato l’avviso pubblico, rivolto agli Enti locali, per l’attribuzione delle aree residue delle ZES Interregionali ionica e adriatica
  3. Rilancio delle linee marittime veloci in Campania
  4. Campania-Liguria: intesa su ricerca, innovazione, fondi Ue per i porti
  5. Firmato il protocollo d’intesa tra il Ministro Delrio e il Presidente Fassino

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66533

Scritto da Redazione su set 9 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab