Home » Italia, Legislazione, News » IL PO FEAMP ALLA RIUNIONE ANNUALE DI RIESAME TRA COMMISSIONE EUROPEA E STATO ITALIANO

IL PO FEAMP ALLA RIUNIONE ANNUALE DI RIESAME TRA COMMISSIONE EUROPEA E STATO ITALIANO

Trieste giovedì 7 e venerdì 8 novembre 2019

A che punto è l’attuazione del Programma Operativo FEAMP (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca) e quali prospettive per il post 2020? Il punto durante la Riunione di Riesame prevista per giovedì 7 e venerdì 8 novembre a Trieste, alla quale parteciperà l’Autorità di Gestione del Fondo

Roma- Fare il punto sullo stato di attuazione dell’Accordo di Partenariato e sullo stato di avanzamento della programmazione europea è l’obiettivo della Riunione annuale di Riesame, che quest’anno si svolge a Trieste il 7 e 8 novembre. Un appuntamento, previsto dai Regolamenti europei, durante il quale la Commissione Europea incontra ognuno degli Stati membri per esaminare i risultati dei vari programmi operativi, tenuto conto della relazione di attuazione annuale e delle osservazioni della Commissione stessa.

Il programma della Riunione di Riesame

La giornata di giovedì 7 sarà dedicata all’esame dello stato di attuazione dei programmi operativi dei Fondi SIE (Fondi strutturali e di investimento europei) 2014-2020 e alla preparazione in vista del prossimo periodo di programmazione 2021-2027, mentre la mattinata di venerdì vedrà una serie di sessioni parallele specifiche per ognuno dei fondi. In questo spazio, l’Autorità di Gestione (AdG) del PO FEAMP (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca) illustrerà i dati sull’avanzamento del Programma Operativo, aggiornati al 30 settembre 2019.

La sessione specifica dedicata al FEAMP consentirà di affrontare sia lo stato di attuazione del Programma Operativo attuale, attraverso il monitoraggio dei progressi e il quadro di coerenza con il resto della programmazione europea, che la preparazione al FEAMP post 2020.

I dati sull’attuazione del PO FEAMP 2014-2020 al 30 settembre 2019

A fronte di una dotazione finanziaria complessiva di quasi 980 Mln di euro, di cui più di 400 Mln gestiti direttamente dal MIPAAF – Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali in qualità di Autorità di Gestione e circa 575 Mln dalle Regioni come Organismi Intermedi, le risorse complessivamente impegnate valgono quasi 510 Mln di euro, pari al 52% del totale, così articolate:

• 243 Mln di euro impegnati dalle Regioni e 267 Mln di euro impegnati dal MIPAAF;
• Priorità 1 – Promuovere una pesca sostenibile, efficiente, innovativa, competitiva e basata sulle conoscenze: più di 187 Mln di euro impegnati;
• Priorità 2- Favorire un’acquacoltura sostenibile, efficiente, innovativa, competitiva e basata sulle conoscenze: quasi 77 Mln di euro impegnati;
• Priorità 3 – Promuovere l’attuazione della Politica comune della Pesca: più di 85 Mln di euro impegnati;
• Priorità 4 – Aumentare l’occupazione e la coesione territoriale: più di 34 Mln di euro impegnati;
• Priorità 5 – Favorire la commercializzazione e la trasformazione dei prodotti: più di 124 Mln di euro impegnati;
• Priorità 6 – Favorire l’attuazione della Politica Marittima Integrata (PMI): 1,6 Mln di euro impegnati.

La comunicazione del PO FEAMP: incontri tematici e nuovo sito web

Nel corso della riunione l’AdG del FEAMP illustrerà anche le novità in materia di comunicazione. Nel corso degli ultimi mesi sono state infatti implementate numerose attività di informazione e partecipazione rivolte sia agli stakeholders che al Grande Pubblico, come l’inaugurazione del ciclo di incontri tematici sulle opportunità del Fondo “Il PO FEAMP incontra il territorio: Focus sulle opportunità” e il rilascio del sito internet ufficiale.

Il sito web pofeamp.politicheagricole.it è il canale istituzionale di riferimento del PO FEAMP 2014-2020, strutturato per facilitare l’interlocuzione con il pubblico e favorire la conoscenza delle opportunità offerte dal PO, valorizzando il ruolo e il contributo dei FLAG, i gruppi di azioni locale responsabili dell’implementazione di specifici piani di sviluppo territoriale. Il sito rispetta i principi di opennes e si basa su una piattaforma costruita partendo da un software open source con una licenza d’uso dati e informazioni Creative Commons (CC BY SA) che consente il riuso di tutti i contenuti, anche per fini commerciali.

Leggi anche:

  1. IL PO FEAMP INCONTRA IL TERRITORIO: A CHIOGGIA IL PRIMO APPUNTAMENTO DI INFORMAZIONE-FORMAZIONE SULLE OPPORTUNITÀ APERTE
  2. Riunione tra il Mit, la Commissione Europea e l’Agenzia per la Coesione Territoriale
  3. La Commissione europea mette sul piatto 1,9 miliardi di euro per il CEF 2016
  4. La Corte giustizia europea accoglie ricorso Commissione per aiuti alla SNCM
  5. Processi doganali: Lo stato dell’arte alla luce del nuovo Codice Doganale dell’Unione Europea

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=69809

Scritto da Redazione su nov 5 2019. Archiviato come Italia, Legislazione, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab