Home » Europa, News » Ue: ricapitalizzare la Banca Nord/LB è giusto

Ue: ricapitalizzare la Banca Nord/LB è giusto

Bruxelles. La Commissione europea da il via libera alla ricapitalizzazione della banca tedesca Nord /LB. La stessa Commissione, nell’ultima seduta, ha riscontrato che i piani di ricapitalizzazione della Germania per rafforzare il patrimonio economico della Norddeutsche Landesbank  Girozentrale (Nord / LB), non sono configurabili come “aiuti di Stato”. La misura emanata dal Governo tedesco si riferisce a un investimento diretto di 2,8 miliardi di euro (3,1 miliardi di USD) per realizzare i necessari cambiamenti strutturali  e ridimensionamenti della banca al fine di poter continuare adoperare sul mercato.

Il caso. La banca Nord /LB è di  proprietà di due Stati federali tedeschi e diverse Casse di Risparmio regionali sono di proprietà pubblica. All’inizio del 2019, a seguito della vendita sul mercato di un portafoglio di crediti deteriorati, la banca ha registrato perdite in una delle sue linee di business, proprio quella del finanziamento delle navi. Il bilancio della banca ammonta a circa 150 miliardi di euro; i suoi crediti deteriorati ammontano al 2,7% del totale attivo e sono concentrati nella linea di business del trasporto marittimo, che la banca ora intende abbandonare.

Il piano. Il piano di ricapitalizzazione della Germania mira a mantenere la Nord /LB come una banca stabile e redditizia di proprietà pubblica, al fine di sostenere il futuro consolidamento nel settore bancario tedesco.  La Commissaria responsabile della politica europea alla concorrenza, e vice presidente esecutivo, Margrethe Vestager, ha detto che lo Sato tedesco sta investendo alle stesse modalità e condizioni che un proprietario privato avrebbe accettato, in linea cone le norme dell’Ue in materia di aiuti di Stato. Intanto, la Banca Centrale Europea ha approvato il piano tedesco, lo scorso 29 novembre 2019.  In base al piano di ricapitalizzazione, i due Länder tedeschi, Bassa Sassonia e Sassonia Anhalt, e il sistema di protezione istituzionale del settore tedesco delle Casse di Risparmio (DSGV) stanno pianificando di investire un importo complessivo di circa 2,8 miliardi di euro  nella banca alla fine del 2019.

La Commissione. In particolare, la Commissione Ue ha riscontrato che le misure previste sono attuate a condizioni di mercato: significa che lo Stato riceve una remunerazione in linea con quanto un operatore privato accetterebbe nelle stesse circostanze. Il Land della Bassa Sassonia prevede di fornire garanzie patrimoniali che dovrebbero tradursi in una riduzione di capitale di 0,8 miliardi di euro per la banca, in cambio della corrispondente remunerazione. Pertanto, le misure non comportano aiuti di Stato ai sensi delle norme dell’Ue.

Così, il management della Banca, ringrazia la Commissione Ue, e tira un respiro di sollievo procedendo nella strategia per rafforzare il capitale della banca e realizzare la fase di riallineamento della stessa sul mercato. La Germania chiede l’Ue risponde!

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Presentato a Cagliari lo studio su Economia del Mare di Banca Intesa e SRM
  2. UE approva programmi operativi 2014-2020
  3. BANCA MONDIALE promuove Merkel
  4. Banca Mondiale e progetti portuali
  5. TROFEO BANCA ALETTI: CHOLITA VINCE IL TROFEO BANCA ALETTI 2012

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=71147

Scritto da Abele Carruezzo su dic 11 2019. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab