Home » Internazionale, News » Scandalo trasporto di animali vivi: Il ricorso che richiedeva la sospensione precauzionale del sacrificio dei vitelli di Karim Allah è stato respinto

Scandalo trasporto di animali vivi: Il ricorso che richiedeva la sospensione precauzionale del sacrificio dei vitelli di Karim Allah è stato respinto

Gli animali della Karim Allah verranno tutti uccisi. La Corte Suprema di Madrid ha negato la sospensione dell’ordine di macellazione dei vitelli richiesto dall’azienda di trasporti.

Ai piedi della Karim Allah è stata installata una tenda, all’interno della quale verranno sacrificati, e decine di container che serviranno per rimuovere i cadaveri dal porto di Escombreras a Cartagena.

Animal Equality chiede che venga interrotta l’esportazione di animali al di fuori dell’UE dalla Spagna e da tutto il territorio europeo per non essere in grado di garantire il loro benessere.

Milano, 06/03/2021 – Il viaggio dei vitelli e dei giovani bovini sulla Karim Allah sembra essere giunto al termine. Dopo aver sofferto per due mesi e mezzo alla deriva nel Mediterraneo, venerdì sera (ieri, ndr) la Corte Superiore di Giustizia di Madrid ha negato la sospensione dell’abbattimento degli animali richiesto dalla compagnia di trasporti.

Gli 864 animali sopravvissuti, degli 895 partiti, saranno macellati al molo del porto di Escombreras a Cartagena in ottemperanza all’ordinanza emessa dal Ministero dell’Agricoltura, della Pesca e dell’Alimentazione.

Gli avvocati della nave hanno cercato in tutti i modi di evitare l’abbattimento cercando di dimostrare che gli animali sono sani e accusano le autorità spagnole di bloccare i loro tentativi di dimostrarlo.

Nonostante ciò, il controllo veterinario ufficiale effettuato tra il 25 e il 26 febbraio ha concluso che le condizioni dei vitelli, dopo più di due mesi di viaggio, impedivano loro di intraprendere un nuovo viaggio per essere riesportati e venduti al di fuori dell’Unione Europea.

Ai piedi della Karim Allah è stata installata una tenda, all’interno della quale verranno sacrificati, e decine di container che serviranno per rimuovere i cadaveri dal porto di Escombreras a Cartagena.

Uno scandalo che non si può ripetere

Animal Equality chiede che il commercio e l’esportazione di animali vivi al di fuori dell’UE vengano interrotti, poiché i rapporti della Commissione europea, di Animal Welfare Foundation [2 e 3] e le proprie indagini certificano che l’applicazione della legislazione europea sulla protezione degli animali durante il trasporto è completamente carente.

Il benessere degli animali durante questi lunghi viaggi non può essere garantito e inoltre, nel caso del Medio Oriente e del Nord Africa, non vengono macellati secondo gli standard internazionali dell’OIE (World Organization for Animal Health).

Una realtà che è diventata evidente, con i casi delle navi Karim Allah ed Elbeik, che navigano alla deriva per due mesi attraverso il Mediterraneo con più di 2.600 animali a bordo.

Per tutti questi motivi, Animal Equality ha presentato una serie di note [1] alla proposta di consultazione pubblica prima della modifica del regio decreto sugli standard di salute e protezione degli animali durante i trasporti indetta dal ministero dell’Agricoltura, della pesca e dell’alimentazione in Spagna.

I due mesi e mezzo alla deriva della Karim Allah

Il 18 dicembre 2020, la Karim Allah, che trasportava 895 vitelli, ha lasciato il porto di Cartagena, presumibilmente diretto a Iskenderun (Turchia). Ha quindi cambiato rotta e si è diretto a Tripoli (Libia). Si sospetta che i bovini fossero infetti dalla malattia della febbre catarrale e della blue tongue.

Il Libyan National Animal Health Center ha rifiutato di approvare l’ingresso di bovini malati. La Karim Allah è partita e successivamente ha chiesto il permesso di attraccare a Biserta (Tunisia), presumibilmente per trasportare il foraggio per gli animali, ma gli è stato negato l’ingresso a Biserta o in qualsiasi altro porto tunisino ed è stato costretto a lasciare le acque territoriali tunisine. È stato avvistato nel porto di Augusta (Sicilia, Italia) il 28 gennaio. Ha lasciato Augusta, poi si è fermato ed è stato ancorato al largo di Cagliari (Sardegna, Italia), dove le autorità avevano predisposto un’ispezione. Tuttavia, la nave è fuggita prima dell’ispezione.

Lunedì 22 febbraio è arrivata nella Baia di Cartagena. Attracca a Puerto de Escombreras il 25 febbraio.

1700 animali ancora in mare a bordo dell’Elbeik

L’Elbeik, che ha lasciato il porto di Tarragona a dicembre, carica di 1.776 mucche e vitelli, continua a navigare nel Mediterraneo, cercando di trovare un acquirente per i suoi animali. Attualmente si sta dirigendo verso il porto del Pireo in Grecia.

Nelle conversazioni con la Animal Welfare Foundation, i responsabili dell’Elbeik riferiscono che a causa delle cattive condizioni del mare e del lungo viaggio che sopportano, più di 50 animali sono già morti a bordo. Un’altra causa di mortalità è che l’Elbeik è completamente carica di animali, a differenza del Karim Allah, quindi hanno meno spazio per muoversi.

Documentazione allegata:

[1] Le note di Animal Equality al Governo spagnolo

[2] Informativa di AWF inchiesta Porto di Cartagena 2018

[3] Informativa di AWF inchiesta Porto di Cartagena 2020

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=82050

Scritto da su Mar 6 2021. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab