peyrani
Home » Authority, Centro, Marinas, Porti » Porto di Fano: pesca a rischio senza dragaggi

Porto di Fano: pesca a rischio senza dragaggi

Il rischio di chiusura anticipata per il mancato dragaggio del porto potrebbe presto concretizzarsi a fano. Secondo le associazioni di categoria Coomarpesca, Pesceazzurro, Consorzio Ittico Fanese, Associazione Produttori Pesca Adriatica, Coop. Piccola Pesca Ambrosini e Società del Mare Adriatico, questa possibilità sarebbe l’unica soluzione possibile ai problemi di queste settimane. Per chiedere sicurezza nell’uscita e nell’accesso all’infrastruttura fanese, le cooperative hanno organizzato oggi, nell’area della Coomarpesca, un’iniziativa di protesta contro il mancato dragaggio del porto, chiedendo l’intervento della Regione Marche e del Comune. Se non avranno risposta entro pochi giorni, la loro intenzione è quella di proseguire la protesta davanti al consiglio regionale. “Sono dieci anni che dobbiamo operare in un’infrastruttura portuale inadeguata al passaggio delle nostre barche e che mette a rischio la nostra vita e quella dei nostri collaboratori – ha detto Marco Pezzolesi, direttore della Coomarpesca -, a breve senza un dragaggio completo saremo costretti a chiudere le nostre imprese, lasciando senza lavoro 200 persone e mettendo a repentaglio un settore economico fondamental”». Le barche rischiano ogni giorno di rimanere incagliate nel fondale del porto che, di norma, dovrebbe essere di 2,5-3 metri mentre adesso è soltanto di circa mezzo metro. Il dragaggio completo richiede lo spostamento di 80-100mila metri cubi di fanghi, come era previsto in un accordo di programma siglato nel 2009 fra la Regione Marche e il ministero dell’Ambiente. Per migliorare la situazione, bisognerebbe, intanto, asportarne 50mila metri cubi. ma si sta ancora aspettando la realizzazione della cassa di colmata, che potrebbe non avvenire prima del 2012, con il dragaggio non prima del 2013.

Francesca Cuomo

Leggi anche:

  1. La via “Castello di Mare” che unisce il porto turistico
  2. Arriva il Piano di gestione per la pesca controllata
  3. I porti toscani partono con Erasmus Imprese
  4. Porto di Anzio: decisivo il decreto reginale
  5. “LOGISTICA SENZA FRONTIERE” CONVEGNO A PARMA IL 9 APRILE

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=315

Scritto da Redazione su mar 12 2011. Archiviato come Authority, Centro, Marinas, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab