peyrani
Home » Marinas, News, Porti » Costa brindisina interdetta: interviene la Regione

Costa brindisina interdetta: interviene la Regione

E’ prevista per venerdì la riunione convocata dall’assessore regionale alle Opere pubbliche Fabiano Amati, insieme a Comune e Provincia di Brindisi, per affrontare il problema della falesia lungo la costa a nord di Brindisi. Dopo il rinnovo dell’ordinanza di interdizione emanata ieri, che vieta stazionamento e balneazione sul 75% della costa ritenuta zona ad alto rischio di crollo, la Provincia ha sollecitato la regione a studiare insieme qualche soluzione temporanea che scongiuri il rischi di tenere chiuse sia le spiagge libere che i lidi dati in concessione per tutta la stagione estiva.

“La Provincia di Brindisi – ha scritto in una nota il presidente dell’ente Massimo Ferrarese – non ha competenze specifiche in materia, ma il problema della falesia non può ricadere semplicemente sui cittadini e sugli operatori economici del settore balneare. Abbiamo il dovere di fare tutto il possibile perché si intervenga immediatamente ed è per questo che siamo disponibili a verificare soluzioni praticabili in tempi rapidissimi”.

Accolta la sua richiesta, l’incontro è stato convocato per venerdì. Dalla Regione dipende infatti l’Autorità di Bacino che, dopo il sopralluogo del 26 maggio, ha confermato la pericolosità del tratto di costa. La relazione dei tecnici ha reso necessario il provvedimento restrittivo emanato dal sindaco. Ora l’ente territoriale che nel frattempo ha anche bocciato tutti i progetti dei privati presentati per rimediare al rischio di smottamento, darà agli enti locale le indicazioni necessarie per risolvere il problema e, se possibile, provare a farlo anche entro la stagione stiva.

Francesca Cuomo

Foto: Simone Rella

Scarica le cartine in alta risoluzione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Spiagge interdette a Brindisi: troppo alto il rischio di crollo della falesia
  2. Porti di Sardegna: sul “caro traghetti” interviene l’Antitrust
  3. Porto di Fano: la Regione pronta al dragaggio
  4. Ancona dice NO al rigassificatore
  5. Regione Lazio: 11 milioni di euro per il ripascimento delle spiagge

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1386

Scritto da Francesca Cuomo su giu 1 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab