peyrani
Home » Marinas, News, Porti » Costa interdetta a Brindisi. Amati: “Ci sono soluzioni temporanee immediate”

Costa interdetta a Brindisi. Amati: “Ci sono soluzioni temporanee immediate”

Per domani è atteso l’incontro in Regione con gli enti locali ma, nel frattempo, l’assessore regionale alle Opere pubbliche, Fabiano Amati, ha già le idee chiare su quelli che potranno essere gli interventi per risolvere temporaneamente il problema della falesia brindisina.

Le spiagge, oggi interdette con un’ordinanza del sindaco Domenico Mennitti, potrebbero anche riaprire se, entro l’estate, sarà possibile adottare degli accorgimenti in grado di garantire la sicurezza ai bagnanti. “Innanzitutto mi auguro che Comune e Provincia partecipino all’incontro di domani – ha spiegato l’assessore Amati – credo che ci siano degli interventi di mitigazione con cui possiamo risolvere, non in maniera definitiva ovviamente, il rischio che c’è oggi”.

E’ stata l’Autorità di Bacino, con il sopralluogo dei suoi tecnici dello scorso 26 maggio, a confermare il pericolo lungo gran parte della costa a nord di Brindisi. Classificata come area ad elevato rischio, la costa è stata quasi completamente interdetta, con divieto di stazionamento e balneazione, nella parte in cui la falesia supera 1,5 metri.

L’amministrazione comunale ha risposto confermando l’ordinanza di aprile, con poche eccezioni: tante spiagge libere e stabilimenti balneari non saranno riaperti fino a quando il rischio non sarà superato apportando interventi di contenimento. Domani, dall’incontro con l’ente territoriale, per gli operatori del settore turistico ma anche per tanti cittadini potrebbero arrivare risposte su modi e tempi necessari a risolvere il problema.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Costa brindisina interdetta: interviene la Regione
  2. Spiagge interdette a Brindisi: troppo alto il rischio di crollo della falesia
  3. Porto di Brindisi: archiviato il ricorso contro il progetto del terminal a Costa Morena
  4. Spiagge brindisine interdette: falesia a rischio crollo
  5. Porto di Brindisi: parte lo studio del Piano della costa

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1400

Scritto da Francesca Cuomo su giu 2 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab