peyrani
Home » Marinas, News, Porti » Fincantieri: primi contatti tra Spacca e Bono

Fincantieri: primi contatti tra Spacca e Bono

In attesa dell’esito dell’incontro con il vice presidente Tajani a Strasburgo, stamattina il presidente della giunta regionale Gian Mario Spacca ha parlato stamane al telefono con l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono.

“Il contatto con l’azienda che era stato sollecitato dai lavoratori durante la manifestazione in autostrada – ha detto il governatore durante il suo intervento nella prima parte della seduta aperta dell’Assemblea legislativa – non si è mai interrotto neanche nei particolarissimi momenti seguiti al ritiro del piano industriale”.

Sul nuovo piano industriale «non abbassiamo la guardia», ma Spacca non ha nascosto la sua preoccupazione “rispetto alle evoluzioni future, perchè il piano ritirato aveva comunque una chiarezza di mission che riqualificava il cantiere di Ancona, per il quale erano previste le produzioni a maggior valore aggiunto, navi crociere e traghetti di alta qualità. Una mission – ha aggiunto – che ci piaceva molto perchè incastrava lo stabilimento marchigiano nella logica dei nostri distretti industriali, in particolare per le integrazioni con il legno, la pelletteria.

Ora continueremo a seguire questa vicenda, ci auguriamo che attraverso la civiltà dei vostri atteggiamenti e in nome di quella professionalità che il cantiere ha sempre dimostrato, ci possa essere anche nel nuovo piano industriale un ruolo qualificante per Ancona. Noi non faremo venire meno la pressione nei confronti di Governo e Ministeri”. E rimangono in campo le iniziative concordate dalla Regione con i sindacati: formazione, progetto di centro di centro della navalmeccanica in sinergia con il Friuli, autonomia energetica dello stabilimento.

“Ma con Bono stamattina abbiamo parlato anche della possibilità di dare comunque lavoro al cantiere anconetano – ha detto ancora Spacca -, in modo che sia ancora vivo quando arriverà il Papa l’11 settembr». C’è una possibilità di avere nuove commesse, legata alla costruzione di meccanismi di finanziamento e garanzie da parte delle banche locali”. Per questo Spacca ha interessato personalmente Banca Marche e Banca Popolare di Ancona per la copertura a garanzia del 30% di questa commessa, accanto agli istituti di credito nazionali (Banca intesa e UniCredit) che coprono il 70%.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: il ministro Romani commenta il ritiro del Piano
  2. Fincantieri: le reazioni al ritiro del Piano
  3. Fincantieri: Bono annuncia il ritiro del Piano industriale
  4. Fincantieri: Palermo e La spezia si ribellano ai licenziamenti e venerdì Tajani incontra i sindacati
  5. Porto di Ancona: in arrivo commessa da Fincantieri

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1498

Scritto da Francesca Cuomo su giu 6 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab