peyrani
Home » Internazionale, News, Porti » Mari puliti e spiagge sicure: i consigli di Maritime and Coastguard Agency

Mari puliti e spiagge sicure: i consigli di Maritime and Coastguard Agency

La Coastguard inglese consiglia le spiagge per l’estate 2011. Ogni anno a migliaia di inglesi piace remare, nuotare, fare surf; ma nonostante gli enormi investimenti da parte dell’industria britannica della balneazione, alcuni impianti di balneazione nel Regno Unito costituiscono un rischio inaccettabile per la salute dei bagnanti.

Per questo motivo, la Maritime and Coastguard Agency (MCA) ha redatto la Good Beach Guide: una guida completa alla qualità delle acque di balneazione di tutto il Regno Unito e uno dei driver per il cambiamento positivo della qualità dell’acqua del Regno Unito.

La MCA, con questa guida, consiglia le spiagge di qualità e fornisce informazioni vitali per le persone che apprezzano mari puliti e soprattutto spiagge pulite e sul proprio sito si trova l’elenco completo delle spiagge a portata di mouse da scegliere nel Regno Unito. La Good Beach Guide nasce come una “lista d’oro” di spiagge nel 1960, a seguito dell’incidente balneare di una bimba che aveva contratto una poliomielite in acque contaminate da liquami.

The Marine Conservation Society (MCS) prosegue la sua campagna per fermare l’inquinamento delle acque reflue che inquinano le spiagge della Regina. Molte delle spiagge della Gran Bretagna, ogni anno fanno a gara per avere “bandiere” di qualità delle acque; come d’altronde le nostre “Bandiere Blu”, con la differenza che da queste parti sono i cittadini ad assegnare le “bandiere” e non qualche associazione “verde” che ogni anno sceglie le migliori spiagge.

Ci sono oltre 1.200 spiagge del Regno Unito con 11 milioni di persone che partecipano a sport acquatici ed attività nautiche per il tempo libero ogni anno. Per essere sicuri, per essere al sicuro, per trovare una spiaggia con un bagnino, per la consulenza sulle condizioni del mare, come sono forti le onde, e dove è sicuro fare il bagno, il Royal National Institution Lifeguard (RNLI) pattuglia più di 100 spiagge nel Regno Unito durante i mesi estivi (da maggio a settembre). In spiaggia, occorre fare attenzione alle bandiere e cartelli.

Essi danno importanti informazioni di sicurezza riguardanti l’area. Una bandiera rossa e gialla indica le zone che sono presidiate da bagnini; questi sono i posti più sicuri per nuotare o usare una bodyboard. Una bandiera rossa indica pericolo. Una bandiera a scacchi bianchi e neri, significa che la zona è sicura per moto d’acqua, tavole da surf e kayak. Non è sicuro nuotare o usare una bodyboard in queste acque. La MCA augura un buon “solstizio estivo” a tutti.

Corrispondente da Londra
Em. Carr.

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Maritime and Coastguard Agency and maritime safety
  2. Spiagge interdette a Brindisi: troppo alto il rischio di crollo della falesia
  3. Bandiere Blu: ecco la mappa delle spiagge che l’hanno ottenuta nel 2011
  4. Spiagge brindisine interdette: falesia a rischio crollo
  5. Regione Lazio: 11 milioni di euro per il ripascimento delle spiagge

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1676

Scritto da Emanuela Carruezzo su giu 11 2011. Archiviato come Internazionale, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab