peyrani
Home » Europa, News, Porti » Dockers ellenici scioperano contro la privatizzazione delle attività portuali

Dockers ellenici scioperano contro la privatizzazione delle attività portuali

I sindacati portuali greci con tutta la portualità greca hanno scioperato, ieri, per tutta la giornata contro il piano governativo di privatizzazione dei porti e delle attività portuali.

Una legge di riforma portuale, come quella italiana, i greci non la vogliono, anche se l’obbiettivo greco è quello di uscire dalla crisi finanziaria e per risolvere i debiti nazionali.

Il Governo ellenico prevede di vendere il 75% delle quote delle sue due port authority più grandi: Pireo con una portata annua 2010 registrata di 864.000 teu e quella di Salonicco di 273.000 teu.

Inoltre, venderà quote tra 43% e 66% dei porti più piccoli  entro la fine di quest’anno. Con striscioni, a grandi lettere, ieri, l’Unione dei lavoratori portuali hanno scritto che tutto ciò: “un atto politico criminale ed incomprensibile”.

George Anomeritis direttore del Porto di Pireo, sostenendo la posizione sindacale, ha detto che la privatizzazione dei porti è un “modello di business obsoleto” ed ha esortato il Governo greco a detenere almeno il 51% delle quote del più grande porto della Grecia.

Anche in considerazione del fatto che la maggior parte dei porti della UE sono di proprietà statale, o regionale o al massimo comunale.

E poi ha ricordato che la Cinese Cosco Pacific ha pagato 5 miliardi di dollari per una concessione di 35 anni per l’esecuzione di due, dei tre, terminal nel porto di Pireo, visto che tale porto si appresta ad essere un centro importante di trasbordo di tutto il Mediterraneo.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Authority di Pireo è contro la privatizzazione del porto
  2. Le infrastrutture portuali hanno bisogno di “consenso”
  3. Commissione Trasporti: il verbale del 25 maggio sulle nomine delle Autorità portuali
  4. Attività / Logiche portuali
  5. Le logiche portuali

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1798

Scritto da Abele Carruezzo su giu 16 2011. Archiviato come Europa, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab