peyrani
Home » Marinas, News, Porti » Costa brindisina interdetta: gli stabilimenti chiedono declassamento del rischio

Costa brindisina interdetta: gli stabilimenti chiedono declassamento del rischio

E’ un vero e proprio cambio di strategia quello che stanno mettendo in atto i titolari di concessioni demaniali per i lidi brindisini interdetti dall’ordinanza sindacale dell’1 giugno.

Nell’impossibilità di aprire i loro stabilimenti balneari, anziché seguire i consigli dell’Autorità di Bacino, hanno chiesto di ottenere un declassamento del livello di rischio del crollo della falesia, affidandosi agli studi scientifici e ai rilievi realizzati dal geologo Tommaso Elia.

A maggio i tecnici della Regione avevano confermato il 75% della costa a nord di Brindisi come Pg3, cioè “area ad elevato rischio crollo”, costringendo il sindaco Domenico Mennitti a rinnovare il divieto di stazionamento e balneazione.

L’impegno da parte dell’assessore regionale alle Opere pubbliche Fabiano Amati, per venire incontro alle esigenze di bagnanti e imprenditori, era stato quello di garantire tempi rapidi per esaminare i progetti, attesi proprio dai titolari dei lidi privati, che apportassero i necessari interventi di mitigazione per mantenere sicure le spiagge.

Se da un lato alcuni stabilimenti hanno cercato di adeguarsi, studiando e proponendo quei lavori richiesti, che però devono ancora ottenere l’autorizzazione da parte dell’ente territoriale, dall’altro alcuni ritengono eccessive le valutazioni di rischio. I risultati dei carotaggi svolti e le simulazioni matematiche, secondo alcuni dei titolari delle concessioni, potrebbero far ricredere i tecnici della Regione.

Per alcuni lidi infatti, le valutazioni sono state fatte sulla base di foto satellitari, mentre i sopralluoghi avrebbero potuto chiarire meglio la situazione. Lo scopo resta quello di far riaprire i lidi al più presto e, ovviamente, risparmiare anche sui costi dei lavori richiesti. Nonostante risultati certificati e confermati da Comune e Autorità di Bacino, la Regione si dice comunque pronta a valutare le analisi dei privati.

“Non abbiamo pregiudizi anche se riteniamo di aver svolto i nostri rilievi con zelo e precisione – afferma l’assessore Amati – ma, se abbiamo sbagliato, non ci sarà alcun problema ad ammetterlo”. Nel rassicurare i titolari degli stabilimenti, Amati lancia anche un suggerimento. “Sarebbe opportuno – spiega infatti – che preparino anche un piano alternativo nel caso in cui gli studi non siano sufficienti”.

Francesca Cuomo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Costa brindisina interdetta: pronti i primi progetti per mettere in sicurezza la falesia
  2. Costa brindisina interdetta: le precisazioni del sindaco Mennitti
  3. Interdizione della costa brindisina: spetta ai privati intervenire
  4. Costa interdetta a Brindisi. Amati: “Ci sono soluzioni temporanee immediate”
  5. Costa brindisina interdetta: interviene la Regione

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1821

Scritto da Francesca Cuomo su giu 17 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab