peyrani
Home » Italia, News, Porti » Porto di Trieste: la Regione chiede a Giachino di sbloccare progetto Unicredit

Porto di Trieste: la Regione chiede a Giachino di sbloccare progetto Unicredit

“Ho ricordato al Governo, oggi rappresentato a Trieste dal sottosegretario Bartolomeo Giachino, l’esigenza che vengano al più presto definite le condizioni che permettano la partecipazione del capitale privato al programma in project financing per la realizzazione del nuovo porto di Monfalcone e, successivamente, di nuove opere nello scalo di Trieste”.

L’assessore regionale alle Infrastrutture del Friuli Venezia Giulia Riccardo Riccardi ha chiesto allo Stato un intervento, in riferimento alla mancanza di strumenti normativi, per sbloccare il progetto di Unicredit Logistics per lo scalo portuale di Trieste. Riccardi, insieme al sottosegretario a Infrastrutture e Trasporti Bartolomeo Giachino, ha partecipato al convegno in cui è stato presentato il Piano nazionale della logistica 2011-2020.

“Abbiamo atteso tanto – ha detto l’assessore – ed è venuto il momento di decidere in modo definitivo per costruire in regione quella piattaforma logistica a cui, di fatto, almeno negli ultimi dieci anni non abbiamo mai dato sostanza. In questo modo potremo realmente collocarci nel cuore del sistema logistico europeo, evitando di ritrovarsi di qui a poco in quella che potremmo definire come una marginalità integrata”. Qualche critica al governo è arrivata invece dal deputato Ettore Rosato (Pd) che ha ritenuto le parole di Giachino “inaccettabili”.

“L’ 1 marzo di quest’anno e sempre a Trieste – ha ricordato Rosato – Giachino aveva detto di avere fiducia in Matteoli, oggi ci racconta di avere speranza. A parte il non trascurabile fatto che è inaccettabile sentire un membro del Governo esprimersi in questo modo in merito a decisioni strategiche che avrebbero dovuto essere già prese da moltissimo tempo, la risposta del sottosegretario Giachino denuncia, nel migliore dei casi, l’assoluta mancanza di attenzione da parte del suo Ministero agli investimenti che servono a Trieste e, di conseguenza, all’intera Regione”.

 

Salvatore Carruezzo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Propeller Club: la convention nazionale si è conclusa con l’intervento di Giachino
  2. UniCredit al “Mare Forum Italy”
  3. Porto di Trieste: partita la staffetta di Assonautica
  4. Porto di Trieste: sabato parte la Staffetta nautica
  5. Porto di Genova: pronto il Piano della logistica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1848

Scritto da Salvatore Carruezzo su giu 17 2011. Archiviato come Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab