Home » Marinas, News, Porti » Costa brindisina interdetta: bocciati tutti i progetti per mettere in sicurezza la falesia

Costa brindisina interdetta: bocciati tutti i progetti per mettere in sicurezza la falesia

La relazione ufficiale giungerà a Palazzo di Città solo nelle prossime ore ma la risposta attesa dall’Autorità di Bacino, sui progetti presentati dai proprietari degli stabilimenti balneari, non sarà positiva.

I lavori previsti non sono stati considerati sufficienti dall’ente regionale e il progetti non potranno dunque essere approvati. Il segretario generale Antonio Di Santo ha firmato la relazione contraria ai micro interventi di mitigazione presentati da quasi tutti i titolari di concessioni: almeno per il momento, gli stabilimenti resteranno chiusi in attesa dell’incontro previsto per giovedì.

In quella sede Comune e Regione torneranno a confrontarsi e sarà chiaro qual è la portata degli errori commessi dai tecnici che invece avevano valutato positivamente i progetti. Forse saranno sufficienti solo integrazioni o prescrizioni ma, nel frattempo, per gli imprenditori  i tempi previsti per la riapertura si allungano inevitabilmente.

La costa brindisina è stata interdetta con un’ordinanza che risale ad aprile, poi confermata a maggio, perché classificata dall’Autorità di Bacino come Pg3, e dunque area ad elevato rischio di crollo almeno per il 75% della costa, ossia dove l’altezza della falesia supera 1,5 metri. I progetti presentati prevedevano la riduzione di questa altezza e, in alcuni casi, palizzate di contenimento.

C’è poi una procedura alternativa, ancora in corso, con cui i titolari delle concessioni mirano a dimostrare che la zona dovrebbe essere classificata come Pg2, dunque non pericolosa. Le relazioni con i calcoli statici sono state consegnate solo venerdì scorso e, per ricevere una risposta, sarà necessario attendere ancora qualche giorno.

Intanto per giovedì è previsto l’incontro a Bari a cui il Comune  ha chiesto di far partecipare anche tecnici e geologi che hanno stilato i progetti presentati. “Riteniamo che spetti soprattutto a loro chiedere un confronto e chiarimenti sui necessari cambiamenti da apportare – ha spiegato Francesco Di Leverano, dirigente del settore Urbanistica – in modo che si possa intervenire tempestivamente con le modifiche”.

Francesca Cuomo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Costa brindisina interdetta: gli stabilimenti chiedono declassamento del rischio
  2. Costa brindisina interdetta: pronti i primi progetti per mettere in sicurezza la falesia
  3. Costa brindisina interdetta: le precisazioni del sindaco Mennitti
  4. Interdizione della costa brindisina: spetta ai privati intervenire
  5. Costa brindisina interdetta: interviene la Regione

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2094

Scritto da Francesca Cuomo su giu 28 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab