peyrani
Home » Marinas, News, Porti » Costa brindisina interdetta: bocciati tutti i progetti per mettere in sicurezza la falesia

Costa brindisina interdetta: bocciati tutti i progetti per mettere in sicurezza la falesia

La relazione ufficiale giungerà a Palazzo di Città solo nelle prossime ore ma la risposta attesa dall’Autorità di Bacino, sui progetti presentati dai proprietari degli stabilimenti balneari, non sarà positiva.

I lavori previsti non sono stati considerati sufficienti dall’ente regionale e il progetti non potranno dunque essere approvati. Il segretario generale Antonio Di Santo ha firmato la relazione contraria ai micro interventi di mitigazione presentati da quasi tutti i titolari di concessioni: almeno per il momento, gli stabilimenti resteranno chiusi in attesa dell’incontro previsto per giovedì.

In quella sede Comune e Regione torneranno a confrontarsi e sarà chiaro qual è la portata degli errori commessi dai tecnici che invece avevano valutato positivamente i progetti. Forse saranno sufficienti solo integrazioni o prescrizioni ma, nel frattempo, per gli imprenditori  i tempi previsti per la riapertura si allungano inevitabilmente.

La costa brindisina è stata interdetta con un’ordinanza che risale ad aprile, poi confermata a maggio, perché classificata dall’Autorità di Bacino come Pg3, e dunque area ad elevato rischio di crollo almeno per il 75% della costa, ossia dove l’altezza della falesia supera 1,5 metri. I progetti presentati prevedevano la riduzione di questa altezza e, in alcuni casi, palizzate di contenimento.

C’è poi una procedura alternativa, ancora in corso, con cui i titolari delle concessioni mirano a dimostrare che la zona dovrebbe essere classificata come Pg2, dunque non pericolosa. Le relazioni con i calcoli statici sono state consegnate solo venerdì scorso e, per ricevere una risposta, sarà necessario attendere ancora qualche giorno.

Intanto per giovedì è previsto l’incontro a Bari a cui il Comune  ha chiesto di far partecipare anche tecnici e geologi che hanno stilato i progetti presentati. “Riteniamo che spetti soprattutto a loro chiedere un confronto e chiarimenti sui necessari cambiamenti da apportare – ha spiegato Francesco Di Leverano, dirigente del settore Urbanistica – in modo che si possa intervenire tempestivamente con le modifiche”.

Francesca Cuomo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Costa brindisina interdetta: gli stabilimenti chiedono declassamento del rischio
  2. Costa brindisina interdetta: pronti i primi progetti per mettere in sicurezza la falesia
  3. Costa brindisina interdetta: le precisazioni del sindaco Mennitti
  4. Interdizione della costa brindisina: spetta ai privati intervenire
  5. Costa brindisina interdetta: interviene la Regione

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2094

Scritto da Francesca Cuomo su giu 28 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 11 N°2

BRINDISI - Uno speciale su porto di Venezia, dagli accordi internazionali con Tianjin e Rostock alla crescita dei traffici grazie alla “cita del ferro”, è tra gli argomenti di questo nuovo numero della rivista Il Nautilus. All’interno anche i porti del Nord Sardegna in continua crescita sul fronte dei passeggeri. A cura di Stefano Carbonara, le ultime novità sul pronunciamento dell’Aja nell’arbitrato delle Filippine. Poi i dati Nomisma sul porto di Genova, l’autostrada del mare di Livorno verso Fujairah, l’adeguamento dei porti rispetto alla pesatura dei container e la piattaforma di Vado Ligure finanziata dall’Unione europea. Infine i costi dei porti green, da Adriatic Sea Tourism Report un focus sui porti dell’Adriatico, l’importanza dell’acquacoltura, il piano regolatore di Salerno e le gare di motonautica che si sono svolte a Brindisi a luglio.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2016 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab