Home » News, Porti » Ionian Spirit: il Comune chiede all’armatore di restare a Brindisi

Ionian Spirit: il Comune chiede all’armatore di restare a Brindisi

I disagi subiti nella serata di ieri e le polemiche scatenate, hanno spinto l’armatore della Ionian Spirt ad annunciare che lascerà il porto di Brindisi.

Al di là delle giustificazioni dell’Autorità portuale di Brindisi che ha spiegato le motivazioni che hanno costretto il traghetto a ritardare l’arrivo nel porto di un paio d’ora, il Comune ha tentato di ricucire lo strappo.

Questa mattina il vice sindaco Mauro D’Attis ha incontrato l’armatore chiedendo di non lasciare lo scalo, pur comprendendone i motivi di sconforto.

Ma il disagio dovuto ai problemi di una conduttura dell’Acquedotto pugliese, lesionata in tre punti, non sono gli unici del porto; per questo D’Attis ha già concordato un incontro, che si terrà la prossima settimana, con il neo presidente dell’Autorità portuale, Hercules Haralambides, “finalizzato a verificare tutte le problematiche più impellenti che riguardano il porto e quindi, di conseguenza, la città di Brindisi”.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Traghetto per Valona bloccato fuori dal porto di Brindisi
  2. Porto di Brindisi: parte la riqualificazione del lungomare
  3. Brindisi: la Northern Petroluem chiede la Via per le trivellazioni
  4. Nomine Authority: Matteoli chiede intesa a Vendola e Polverini
  5. BRINDISI, NUOVE ROTTE CON LA IONIAN QUEEN

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2228

Scritto da Francesca Cuomo su lug 1 2011. Archiviato come News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab