peyrani
Home » Internazionale, News, Porti » Il Porto di Hull verso la green-industry

Il Porto di Hull verso la green-industry

Il Segretario di Stato per l’economia e competenze per l’innovazione, Vince Cable MP membro del Parlamento per Twickenham, ha visitato il porto di Hull, proposto per lo sviluppo di “Green-port“.

Già a maggio scorso, Mr Cable ebbe a ribadire “ l’impegno del governo per una economia sempre più verde”; e la visita al Porto di Hull dell’Associated British Ports ‘(ABP), in particolare Dock Alexandra, è stata la dimostrazione per l’interesse governativo a questo tipo di sviluppo, sperando che Hull diventi un sito importante per la produzione di nuove turbine eoliche offshore.

I Segretario, durante la sua visita è stato accompagnato dal Direttore dell’ABP Port of Hull, Matt Jukes e dal e Manager della Siemens Windpower. Matt Jukes, ha dichiarato: “Siamo felici di aver avuto l’opportunità di mostrare al Segretario di Stato i nostri piani per Hull “Porto Verde“ ed illustrare quanto sia importante questo sviluppo per la nostra città e per il suo ampio territorio”.

Ha aggiunto: “la visita di Mr Cable è importante proprio  alla luce della recente autorizzazione del Governo circa la Riforma mercato elettrico (EMR), Libro bianco e la road-map  per le energie rinnovabili, ed è incoraggiante notare il supporto del governo per il settore eolico offshore“.

Dan Mc Grail, Project Manager di Siemens ha dichiarato: “In qualità di fornitore leader di soluzioni di energia eolica offshore nel Regno Unito, Siemens accoglie con favore la visita di Vince Cable, Segretario di Stato, al nostro primo stabilimento in mare aperto del Regno Unito, per la produzione delle turbine eoliche; è un segnale positivo che l’energia eolica off-shore si svilupperà come un pilastro fondamentale della strategia del Regno Unito per “decarbonizzare” l’economia e creare più sicurezza degli approvvigionamenti, aiutando il Regno Unito a cogliere l’opportunità per creare una  nuova industria verde “.

Il Segretario di Stato per gli Affari generali, Vince Cable, ha dichiarato: “Ho apprezzato il tour Dock Alexandra di Hull, dove il progetto Siemens rappresenta un investimento di 80 milioni di sterline per la costruzione di turbine eoliche e che darà lavoro a 700 persone”.

“La transizione verso un’economia verde presenta significative opportunità di crescita sia nel Regno Unito e all’estero, ha continuato il Segretario di Stato. Il Regno Unito è Paese grande economicamente che utilizza il carbone, a basso tenore di zolfo, ed esporta servizi in tutti i mercati del mondo.

Il settore eolico offshore ha il potenziale di creare 70.000 posti di lavoro nel Regno Unito; siamo impegnati a fare in modo che le imprese nel Regno Unito possano ottenere vantaggi e cogliere ora queste opportunità ha concluso Cable”.

Corrispondente da Londra
Em. Carr.

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. La “strada pericolosa” dell’UK in politica marittima
  2. Mari puliti e spiagge sicure: i consigli di Maritime and Coastguard Agency
  3. Port of Hull: the new agreement
  4. Quando un porto agevola le “modalità”: il caso Southampton
  5. Nuova linea traghetti Portsmouth-Bilbao

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2857

Scritto da Emanuela Carruezzo su lug 26 2011. Archiviato come Internazionale, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab