peyrani
Home » Marinas, News, Porti » Presentato Puglia Storie di Mare sulle tre Aree Marine Protette

Presentato Puglia Storie di Mare sulle tre Aree Marine Protette

Questa mattina è stata presentata in conferenza stampa, a Bari, la guida “Puglia Storie di Mare”, realizzata, nell’ambito del Progetto Interregionale sul Turismo Balneare, dal Consorzio di Gestione di Torre Guaceto, dalla Legambiente Puglia, dall’Università di Foggia e dal Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo.

Hanno partecipato alla conferenza di presentazione Silvia Godelli, Assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, Angela Barbanente, Assessore alla Qualità del Territorio della Regione Puglia, Vincenzo Epifani, Presidente Consorzio di Gestione di Torre Guaceto, Gianfranco Ciola, Presidente Parco Naturale Regionale Dune Costiere, e Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia.

L’assessore Godelli ha sottolineato la “convergenza tra i diversi aspetti dello sviluppo sostenibile con una visione che ingloba in maniera trasversale il mare, i mari della Puglia, di particolare fama dal punto di vista turistico”.

Il progetto ha l’obiettivo di valorizzare il sistema delle Aree Marine Protette Pugliesi (Isole Tremiti, Torre Guaceto e Porto Cesareo) e farle conoscere ai turisti italiani e stranieri.

Per raggiungere questo obiettivo fondamentale è stato realizzato materiale promozionale da diffondere presso le strutture turistico ricettive e di informazione turistica del territorio a cominciare dai centri visita delle tre Aree Marine Protette.

Tutto il materiale promozionale è stato prodotto in due lingue (italiano e inglese) e comprende: una guida che illustra le tre Aree Marine Protette con i relativi itinerari naturalistici, gastronomici e archeologici fruibili; tre cartoguide e una locandina con le attività da svolgere e i servizi erogati nelle Aree Marine pugliesi.

L’assessore Barbanente ha dichiarato che “l’iniziativa ha dato continuità fondamentale per la valorizzazione e la tutela dei beni ambientali, per i quali il lavoro non è mai abbastanza”. In particolare, la guida si divide in 3 macro aree, o itinerari, corrispondenti alle 3 Aree Marine Protette (AMP): itinerario garganico, adriatico e ionico.

Al primo itinerario, quello garganico, fa riferimento l’AMP delle Isole Tremiti, all’interno del Parco Nazionale del Gargano. Istituita nel 1989, quest’area interessa il tratto di mare prossimo all’arcipelago, si estende per 1.466 ettari e rappresenta un esemplare di bellezza sia per la natura incontaminata dei suoi fondali, sia per gli aspetti paesaggistici e storico-architettonici presenti soprattutto sulle due isole più grandi delle Tremiti, dette appunto ‘le perle dell’Adriatico’.

Al secondo itinerario, quello adriatico, corrisponde invece l’AMP di Torre Guaceto, nella provincia di Brindisi, istituita nel 1991. Estesa per una superficie complessiva di 2.227 ettari e 8,41 km di costa, si compone di 3 differenti ambienti naturali: litorale, macchia mediterranea e zona umida.

Nel 2000 viene istituita la Riserva Naturale Statale, con 1.100 ettari di territorio caratterizzato da un complesso mosaico di ambienti naturali e agricoli dalla sorprendente biodiversità.

Infine c’è il percorso ionico, corrispondente all’AMP di Porto Cesareo. Istituita nel 1997, dal 2001 è gestita da un consorzio formato dai Comuni di Porto Cesareo e Nardò e dalla Provincia di Lecce. Ha una superficie di 16.654 ettari, con una costa di 32 km con litorale frastagliato, punteggiato di spiagge bianche e basse scogliere.

La limpidezza delle acque, la grande biodiversità dei fondali, la particolare morfologia delle coste, sono i motivi che hanno determinato l’istituzione dell’Area Marina Protetta. Le macroaree contengono a loro volta numerose informazioni sia relative all’aspetto naturalistico, la conformazione paesaggistica e le specie vegetali e animali presenti, sia di tipo folcloristico e turistico.

Così come evidenziato nella guida, nelle AMP è infatti possibile svolgere numerose attività: dallo snorkeling al diving, per conoscere la ricchezza biologica dei fondali di queste aree; ma anche il pescaturismo, un’attività di educazione ambientale legata al rispetto del mare; il teatro in natura; la gastronomia e i diversi servizi (trekking, ciclotrekking, noleggio bici ed imbarcazioni, guide, ecc.) necessari per poter conoscere ed interpretare l’enorme ricchezza naturalistica e paesaggistica che questi tratti del mare di Puglia racchiudono.

A tutto questo si aggiungono informazioni storico-archeologiche informazioni culinarie (ricette dei piatti tipici) turistiche (feste e sagre).

Leggi anche:

  1. Puglia corsara: per Minervini sulle infrastrutture serve lobby territoriale
  2. Il Fly Plane della Puglia Corsara
  3. Il decreto ministeriale sulle visite mediche necessarie per Gente di Mare
  4. RALLY REGATA DELLE OASI DAL 1 AL 4 MAGGIO
  5. STRATEGIA EUROPEA PER L’AMBIENTE MARINO

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2838

Scritto da Redazione su lug 26 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab