Home » Marinas, News, Porti » Porto di Brindisi: 5 milioni di euro per la cooperazione con la Grecia

Porto di Brindisi: 5 milioni di euro per la cooperazione con la Grecia

Il Comune di Brindisi ha partecipato, in parteneriato con altri enti pugliesi e greci, al Programma di Cooperazione transfrontaliera Grecia – Italia (approvato dalla Commissione Europea l’8 marzo 2008), elaborando e presentando la candidatura di diversi progetti, tutti depositati il 30.10.2009 presso l’Autorità di Gestione che ha sede a Salonicco, in Grecia.

Il 1 agosto 2011 è stata notificata a mezzo web-site INTERREG del Ministero dell’Economia Ellenico (http://www.interreg.gr/) ed EUROPUGLIA della Regione Puglia (http://www.europuglia.it/), la graduatoria delle proposte progettuali ammesse a finanziamento.

Il Comune di Brindisi risulta aggiudicatario di tre progetti riguardanti il tema della mobilità urbana, dei trasporti e dello sviluppo eco compatibile della logistica intermodale nelle comunicazioni e nella mobilità urbana e portuale:

1. Asse 2  – Misura 2.1 – Acronimo CiELo – Titolo City-port Eco Logistics – Partner Aderenti: Comune di Bari; Comune di Patrasso; Comune di  Brindisi; Comune di Corfù; Regione Puglia Settore Trasporti. € 1.871.800,00.

2. Asse 2  – Misura 2.2 – Acronimo URBANETS  – Titolo Sustainable Management of Urban Networks with the Use of ICT – Partner Aderenti: Comune di Igoumenitsa; Comune di Gallipoli; Comune di Brindisi. € 1.635.000,00.

3. Asse 2 – Misura 2.2 – Acronimo SUMMIT – Titolo Sustainable Urban Mobility Management Information Technologies -  Partner Aderenti: Comune di Patrasso; Comune di Bari; Comune di Brindisi; Comune di Corfù. € 1.760.000,00.

I progetti sono totalmente finanziati con fondi FESR e  dal cofinanziamento pubblico nazionale, senza alcun impegno finanziario in capo al Comune di Brindisi. “Sono molto soddisfatto del risultato – ha commentato l’assessore alle Politiche comunitarie Massimo Ciullo -.

Oltre alle risorse finanziarie che giungeranno in città per sviluppare i progetti, Brindisi sarà sempre più proiettata in una dimensione di relazioni europee e di crescita della propria comunità, soprattutto giovanile. Lo sviluppo sta nello scambio di conoscenze e nell’adozione di nuovi modelli operativi, che in questo caso vengono anche supportati con fondi europei.

L’idea di costituire un vero e proprio assessorato ed un ufficio apposito di cooperazione internazionale ha contribuito notevolmente per l’aggiudicazione dei progetti”.

Leggi anche:

  1. Piano del Sud: 35 milioni di euro per il Distripark di Taranto
  2. Cooperazione Ipa Adriatico: 82 milioni di euro a disposizione dei progetti
  3. Magna Grecia Mare: i progetti per valorizzare la pesca
  4. Porto di Ravenna: 2,8 milioni di euro per il progetto Adrimob
  5. Porto di Palermo: 75 milioni di euro per l’Interporto

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3220

Scritto da Redazione su ago 10 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab