peyrani
Home » Marinas, News, Porti » Area protetta “Regno di Nettuno” di Ischia a rischio chiusura

Area protetta “Regno di Nettuno” di Ischia a rischio chiusura

«Con la richiesta del Comune di Lacco Ameno ad Ischia, che chiede al Ministero dell’Ambiente il commissariamento dell’Area marina protetta Regno di Nettuno per incapacità amministrativa, si avvicina lo scioglimento dell’ente.

Dopo Procida questo è il secondo comune che chiede il commissarimento del consorzio di gestione che dovrebbe amministrare e controllare il Parco Marino di recente istituzione».

Lo ha annunicato il commissario regionale dei Verdi Campania, Francesco Emilio Borrelli. «Indipendentemente dalle decisioni del Ministrero che già da tempo sta monitorando l’attività dell’ente – aggiunge Borrelli – c’è da sottolineare che purtroppo la gestione da parte dei Comuni delle isole di Ischia e Procida è stata fallimentare fin dall’inizio, e continua purtroppo ad essere inefficace sia nei controlli a mare che nell’amministrazione dei permessi e del sistema di boe a mare.

Il Regno di Nettuno per avere un futuro, secondo noi, va affidato a soggetti esterni alle beghe politiche e agli interessi politici di Ischia e Procida», conclude Borrelli.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Costa brindisina interdetta: gli stabilimenti chiedono declassamento del rischio
  2. Spiagge interdette a Brindisi: troppo alto il rischio di crollo della falesia
  3. Spiagge brindisine interdette: falesia a rischio crollo
  4. Portofino: l’area protetta resterà senza fondi
  5. Porto di Fano: pesca a rischio senza dragaggi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3317

Scritto da Salvatore Carruezzo su ago 14 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab