Home » Marinas, News, Porti » Argentario: chieste nuove analisi per il tratto di spiaggia interdetto

Argentario: chieste nuove analisi per il tratto di spiaggia interdetto

Come prevedibile l’ordinanza del sindaco di Orbetello, che vieta la balneazione sulla spiaggia della Feniglia sul lato Ansedonia, all’Argentario, ha provocato pesanti reazioni da parte dei gestori degli stabilimenti balneari.

Ma la situazione è più complicata se si pensa anche che una parte del litorale della Costa d’Argento, al confine tra i comuni di Orbetello e Monte Argentario, è anche il confine del braccio di mare in cui l’ordinanza è in vigore: in sostanza, facendo il bagno da una parte si rischia una multa da cento a mille euro, mentre dall’altra è tutto regolare, non avendo il Comune di Monte Argentario adottato la stessa ordinanza di quello di Orbetello.

I rilievi dell’Arpat, che un tempo venivano eseguiti in tre differenti punti della Feniglia, adesso vengono fatti in un punto solo. Oggi la spiaggia era semideserta con lettini, ombrelloni e posti auto a saldo. «Un danno enorme per il territorio – ha detto il sindaco Monica Paffetti – ma non potevamo fare diversamente. I rilievi hanno beccato un punto in cui la concentrazione del batterio escherichia coli era il triplo del limite consentito.

Considerando che il rilievo è stato fatto a due chilometri dalla costa, questo può voler dire solo una cosa: che a versare gli scarichi in mare è stata una delle barche che ogni giorni stazionano di fronte alla spiaggia». «Abbiamo fatto una seconda rilevazione – aggiunge la Paffetti – ma i risultati non potremo averli prima di domani mattina.

Sono sicura che si sia trattato di un caso sfortunato e che i prossimi dati indicheranno che tutto è nella norma. Abbiamo gli operai pronti a togliere i cartelli col divieto di balneazione. Soltanto domani mattina arriverà la seconda analisi dell’Arpat. Ma quel punto l’ultimo weekend di agosto sarà già rovinato».

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Argentario: divieto di balneazione per scarico navi
  2. Porto di Ancona: approvato il progetto per le nuove banchine
  3. Nel 2014, pronte 23 nuove navi da crociera
  4. Brindisi-Corfù: porto interno interdetto e controlli extra della Capitaneria
  5. Porto di Bari: analisi più veloci per le merci grazie al protocollo con Arpa

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3553

Scritto da Francesca Cuomo su ago 27 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab