Home » Italia, News, Porti » Porto di Pescara: una società di Venezia per il dragaggio

Porto di Pescara: una società di Venezia per il dragaggio

Dopo l’aperura delle buste, arrivata appena due giorni fa, è stato aggiudicato oggi alla Gregolin Lavori Marittimi srl di Venezia, in via provvisoria, l’appalto per i lavori di dragaggio di una prima parte del porto di Pescara.

Lavori già utorizzati dal ministero dell’Ambiente nelle scorse settimane e che saranno eseguiti entro i 45 giorni a disposizione della ditta veneta per l’inizio dei lavori, come scritto nel capitolato.

Il commissario straordinario per il dragaggio Guerino Testa ha concluso la prima fase del lavoro che, con un ribasso d’asta dell’11,9% rispetto alla base di 846.587,53 euro, è stata aggiudicata con un’offerta di 751.854,39 euro risultando la più bassa tra le dodici presentata.

In totale il contratto è di 793.037,82 euro, compresi gli oneri per la sicurezza che ammontano a 41.183,43 euro. I lavori riguarderanno 72.621 metri cubi di materiale da dragare e saranno relativi all’area della darsena e dell’avamporto, con deposito a mare dei materiali prelevati.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Pescara: venerdì aggiudicazione dell’appalto di dragaggio
  2. Porto di Pescara: Ministero autorizza dragaggio
  3. Porto di Pescara: entro settembre appalto per il dragaggio
  4. Porto di Pescara: iniziano le operazioni di dragaggio
  5. Porto di Pescara: entro un mese i lavori di dragaggio

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4721

Scritto da Salvatore Carruezzo su ott 14 2011. Archiviato come Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°4

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere con un focus sull'Italian Cruise Watch e l'Ocean Cay di MSC Crociere. Due interviste esclusive ai presidenti di Autorità di Sistema: Pietro Spirito e Sergio Prete. Una riflessione sulla "Rotta Artica" ed un approfondimento sulla fascia costiera brindisina: estetica, criticità ed opportunità. Poi approfondimenti sulle Zes ed un progetto: "COSIRIFAREIBARI" che mira a cambiare il modo di spostarsi in città.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab