Home » Marinas, News, Porti » America’s Cup: i progetti presentati a Bagnolifutura

America’s Cup: i progetti presentati a Bagnolifutura

Sono complessivamente sette i raggruppamenti di imprese che, alla scadenza dei termini oggi alle 12, hanno fatto pervenire alla Bagnolifutura le offerte per i lavori dell’America’s Cup, di cui due tappe delle World Series si svolgeranno a Napoli tra il 2012 e il 2013.

I lavori, tutti su proprietà demaniale, riguardano opere temporanee sia a terra, su un’area di 77mila metri quadri, che a mare, su un’area di 290mila metri quadri. Si tratta di opere da realizzare sulla colmata tra i due pontili, nord e sud, e lo specchio d’acqua antistante, per un importo complessivo pari a poco più di 17 milioni.

Le sette imprese capogruppo sono: Astaldi, Consta, Icad costruzioni generali, Impresa di costruzioni Mantovani, Impresa Pietro Cidonio, Piacentini costruzioni, Società italiana Dragaggi. Nel pomeriggio di oggi la commissione di gara ha tenuto la prima seduta pubblica, nel corso della quale ha verificato la documentazione amministrativa presentata. Da domani la commissione valuterà le offerte tecniche e attribuirà i punteggi ai partecipanti.

Adesso la commissione di gara renderà noti i punteggi attribuiti sulle offerte tecniche e aprirà le buste contenenti le offerte economica e temporale: al termine di detta seduta potrà così procedere all’aggiudicazione provvisoria della gara. L’aggiudicazione definitiva, competenza del cda della Bagnolifutura, avverrà, verificati i requisiti amministrativi del vincitore della gara, solo dopo il rilascio dell’autorizzazione ai lavori da parte del ministero dell’Ambiente.

Le opere, come stabilito dal bando, dovranno essere realizzate in un massimo di 100 giorni, termine che le imprese partecipanti potranno ridurre fino a 85. Così come previsto dal contratto con gli americani di Acea (Americàs Cup event authority), le opere temporanee riguardano, a mare, la realizzazione di un piccolo porto galleggiante, con 9 boe alla ruota dove ormeggeranno i catamarani, e 340 metri di ormeggi per le imbarcazioni di supporto e turistiche: ci sarà un sistema di attenuatori delle onde per proteggere le imbarcazioni.

Sul Pontile sud saranno effettuati interventi di riqualificazione, pavimentazione e manutenzione. A terra saranno realizzati: un ‘public event villagè per l’intrattenimento e svago del pubblico, di 12.500 metri quadri, con 4mila metri quadri per la sosta; un’area premiazioni di mille posti a sedere; un’area vip di 5.500 metri quadri; un’area tecnica per i team partecipanti alle regate di circa 20mila metri quadri. A tutte le aree si accederà da via Coroglio. A Bagnoli Hub ci sarà la sede degli uffici di Acea e sarà allestito il media center: la struttura sarà utilizzata per gli eventi connessi alla manifestazione.

Leggi anche:

  1. Americas Cup: allenamenti già in corso
  2. Riqualificazione Torre Canne: ammessi otto progetti
  3. Presentati i Dislopen di Crn di Ferretti
  4. Costa brindisina interdetta: bocciati tutti i progetti per mettere in sicurezza la falesia
  5. Costa brindisina interdetta: pronti i primi progetti per mettere in sicurezza la falesia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5343

Scritto da Redazione su nov 15 2011. Archiviato come Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab