Home » Italia, News, Porti » Editoriale: “Teoricamente pratico”

Editoriale: “Teoricamente pratico”

Negli ultimi anni, per vari motivi, le relazioni tra porto e città sono diventate sempre più complesse, a volte articolate, e in molti casi difficili. Difficoltà giustificate che si traducono nel ricercare tranquillità operativa e senza coraggio nella governance, rispettivamente di un porto e di una città, e che portano quasi sempre ad una stagnazione economica.

Tutti cercano la “condivisione – sharing” degli atti amministrativi. Tutto è dipeso e dipende dalle trasformazioni che stanno interessando i traffici marittimi e di conseguenza i porti, nodi nevralgici, dei flussi merceologici. Navi grandi, informatizzazione, comunicazione intelligente,  interconnessioni fra porti e con conseguente difficoltà infrastrutturale.

Una città che invece rimane impegnata solo per le varie emergenze giornaliere, senza una reale programmazione post-industriale e occupazionale, è destinata a rinunciare al proprio futuro.  Anche se le Regioni e i Comuni che ospitano i porti hanno beneficiato di una crescita e sviluppo economico, dovute all’asset portuale e alla filiera logistica integrata, sempre più si sono generate situazioni di conflitto tra i porti e le città.

Situazioni che possono creare effetti negativi sulla competitività fra scali di una stessa regione marittima, come per esempio il Mediterraneo. Si ritiene che  un tale  “conflitto” vada governato e orientato verso obiettivi pratici, non retorici, per ricavare benefici e sviluppo effettivo del territorio, sia sotto il profilo economico, sia quello occupazionale, per far crescere il porto e la propria città. “Il dialogo ed il dialogo” sono le caratteristiche, fra soggetti diversi come l’AdSP e le Amministrazioni locali, necessarie per far vivere le attività di un porto dentro una città e con la città.

Salvatore Carruezzo© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fedespedi non condivide le idee del suo assessore Borri
  2. HARALAMBIDES: “IL MIO IMPEGNO PER IL PORTO DI BRINDISI”
  3. Port front: avere e dare fiducia
  4. Porto di Cagliari: presentato il progetto transfrontaliero
  5. Il Comitato portuale di Brindisi riprende i lavori

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=60088

Scritto da Salvatore Carruezzo su apr 10 2019. Archiviato come Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab