Home » Europa, News, Porti, Trasporti » L’Italia si unisce alla coalizione di paesi che chiedono un’area di controllo delle emissioni navali del Mediterraneo

L’Italia si unisce alla coalizione di paesi che chiedono un’area di controllo delle emissioni navali del Mediterraneo

Ora altri paesi Mediterranei si facciano avanti per salvare vite umane

Oggi alla riunione del G7 dei Ministri dell’ambiente in corso a Metz, in Francia, il Ministro italiano Costa ha incontrato il suo omologo francese, De Rugy. Tra gli argomenti discussi, è stato deciso di realizzare un’iniziativa congiunta per ottenere la dichiarazione di una ECA, ovvero la combinazione di SECA e NECA (area di controllo delle emissioni di zolfo e ossidi di azoto) per l’intero Mar Mediterraneo.

Gruppi ambientalisti tra cui Cittadini per l’aria, NABU e FNE accolgono con soddisfazione questo importante passo. La rete delle associazioni da anni ha chiesto l’adozione di un’Area a controllo delle emissioni navali nel Mediterraneo; nel corso  della conferenza tenutasi di recente a Madrid ed organizzata dalla rete degli ambientalisti, anche la Spagna si è espressa in favore dell’istituzione di un’Area ECA.

“Questa è una buona notizia per tutti i popoli che si affacciano sul Mediterraneo perché racchiude già un obiettivo temporale ravvicinato e un’occasione significativa – la Conferenza delle parti della Convenzione di Barcellona per la protezione dell’ambiente marino e della regione costiera del Mediterraneo che si terrà a dicembre a Napoli – nell’ambito della quale gli Stati del bacino del Mediterraneo potranno mostrare sostegno per la tutela della salute dei propri cittadini e dell’ambiente marino mediterraneo. I cittadini e i comitati delle città portuali italiane, Trieste, Venezia, Ancona, Napoli, Civitavecchia, Livorno, La Spezia, Genova, Savona  e tante altre ancora, hanno contribuito in questi anni a questo risultato evidenziando l’insostenibile impatto delle emissioni marittime nelle loro città d’origine ” così Anna Gerometta, Presidente di Cittadini per l’Aria.
L’attuazione di un’ECA nel Mar Mediterraneo potrebbe ridurre le emissioni di SO2 e NOx dal trasporto marittimo internazionale rispettivamente dell’80% e 20 % rispetto alla legislazione attuale. La riduzione delle concentrazioni di inquinamento atmosferico consentirà di risparmiare 16.000 morti premature, risparmiando fino a 25 miliardi di euro in costi sanitari.

“Accogliamo con favore l’annuncio dell’Italia di sostenere la designazione di una ECA nel Mar Mediterraneo. Ora è il momento di agire e portare questa tema all’ordine del giorno all’IMO. La misura è benefica per la salute, l’ambiente e il clima ed anche sotto il profilo economico. Non vi sono argomentazioni convincenti per contrastare l’adozione dell’ECA, ora è il momento per altri paesi di farsi avanti per sostenerla. “Sönke Diesener Transport Policy Officer presso NABU.

Leggi anche:

  1. G7, da Italia e Francia il via a un percorso verso area basse emissioni nel Mediterraneo
  2. Polemiche per il taglio parziale delle emissioni delle navi
  3. UE: IMO regolerà emissioni delle navi
  4. UE: accordo sul controllo delle emissioni di CO2
  5. Anche l’Antartide sotto controllo emissioni

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=60877

Scritto da Redazione su mag 6 2019. Archiviato come Europa, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab