Home » Diporto, Italia, News, Porti » Il porto di Taranto pronto ad accogliere la Marella Discovery

Il porto di Taranto pronto ad accogliere la Marella Discovery

Il porto di Taranto si prepara all’accoglienza della nave Discovery della compagnia Marella Cruises, che con i suoi circa 1800 crocieristi è la nave passeggeri più grande che abbia mai ormeggiato in porto.

Il 2019 è un anno di consolidamento per Taranto, che nel 2017 è stata scelta come scalo per la prima volta da Marella Cruises (ex Thomson). Per quest’anno Taranto è inserita nell’itinerario Idyllic Italia, e le prossime toccate sono previste il 27 giugno, il 17 agosto e il 17 ottobre.

Un risultato importante per l’AdSP che svolge attività di promozione strategica in questo settore da pochi anni. Le attività di accoglienza sono messe in campo grazie all’apporto degli attori del territorio e le necessarie sinergie il Comune di Taranto e l’Amministrazione Provinciale.

Da quest’anno, inoltre, è stato potenziato il servizio di accoglienza grazie all’accordo siglato di recente con Puglia Promozione, presente all’arrivo dei turisti con un proprio info desk brandizzato. L’AdSP continuerà la propria azione tesa al consolidamento di questa tipologia di traffico con l’obbiettivo di favorire lo sviluppo del comparto turistico e commerciale e di conseguire la valorizzazione strategica dell’area ionica.

Leggi anche:

  1. Al via la prima edizione di TARANTO PORT DAYS 2019
  2. Il Porto di Taranto al Seatrade Cruise Global 2019
  3. Porto di Taranto: pronto lo Studio di fattibilità per l’affaccio a Mar Grande
  4. Porto di Taranto: un hub per l’identificazione dell’immigrati nello scalo
  5. Porto di Taranto: pronto il bando per i dragaggi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=61448

Scritto da Redazione su mag 16 2019. Archiviato come Diporto, Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab