Home » Italia, Nautica, News, Porti » Porti Europei entrano in un mondo nuovo, Memorandum ESPO

Porti Europei entrano in un mondo nuovo, Memorandum ESPO

Livorno-Livorno, in questi due giorni si ritrova capitale europea della portualità; scenario marittimo/portuale di tutto rispetto per essere stato scelto come location da ESPO (European Sea Ports Organisation) per la sua Conferenza annuale del 2019. Il tema di questa sedicesima edizione della conferenza ESPO è tutta una strategia: “I porti dell’Europa in un nuovo mondo”.

Il mondo in generale, e quello dello shipping in particolare, stanno attraversando cambiamenti dal sapore “rivoluzionari”: cambiamenti climatici, la digitalizzazione spinta in ogni settore tecnologico e sociale, crisi geopolitiche caratterizzate da guerre commerciali, automazione dei veicoli e robot smart, internet delle things. Tutti questi cambiamenti stanno coinvolgendo i cittadini a ogni livello.  E i porti europei come si stanno preparando a tali cambiamenti?

Gli Enti preposti alla gestione portuale sono allo stesso tempo sviluppatori commerciali dinamici? Riusciranno ad accompagnare la crescita economica, sostenibile e sociale a favore dell’intera comunità portuale?  Sicuramente, i porti europei, come centri di trasporto, di energia, d’industria e della blu economy, sono invitati a svolgere un ruolo più attivo per mediare tutte le parti interessate nell’eco-sistema portuale e di stare al passo responsabilmente con gli sviluppi futuri e affrontare le sfide. La Conferenza ESPO cercherà di dare le dovute risposte per consentire ai porti di essere smart e resilienti.

Le sessioni di studio, dei due giorni, affronteranno i seguenti temi: nuove tecnologie, nuovi player, nuovo commercio e ambiente geopolitico, futuro del lavoro nel settore portuale, i nuovi porti,  nuovi ruoli e nuove  funzioni  dei porti  europei, politica europea dei trasporti, cosa aspettarsi dalla nuova Commissione e dal Parlamento dopo il prossimo 27 maggio. Anche quest’anno vi saranno diversi momenti di networking nella fantastica cornice del patrimonio livornese.

Proprio questa mattina, ESPO ha presentato in Conferenza e fatto votare un “memorandum ESPO”, in vista delle elezioni europee che porteranno a una nuova Commissione, a un nuovo Parlamento europeo e soprattutto ad una nuova vision d’Europa. Il memorandum ESPO sottolinea che i porti europei con gli enti di gestione portuale possono svolgere un ruolo importante dell’eco-sistema portuale. Il memorandum ESPO identifica dieci priorità, dieci campi d’azione e importanza per i prossimi cinque anni. Il  Segretario generale della ESPO, Isabelle Ryckbost, ha così introdotto la proposta: “Il memorandum spiega come i porti possono contribuire alla competitività dell’Europa.

È più di una semplice lista della spesa di ciò che l’Europa deve fare o meno per i porti europei. I porti europei sono le porte d’ingresso per il commercio, sono al crocevia delle catene di approvvigionamento e sono punti caldi di energia, industria, innovazione e digitalizzazione. Riteniamo che i porti europei siano un partner strategico nel raggiungimento degli obiettivi europei in termini di digitalizzazione e decarbonizzazione”.

Mentre il presidente di ESPO, Eamonn O’Reilly, ha sottolineato: “Per noi, i giorni delle Autorità portuale che agiscono semplicemente da sovrintendente sono finiti. I porti devono impegnarsi con industrie e operatori portuali per influenzare e assistere negli enormi cambiamenti che si verificheranno. Siamo molto favorevoli a qualsiasi politica che consenta ai porti di svilupparsi ulteriormente e contribuire a rispondere alle sfide odierne”.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porti ed inquinamento: il presidente Signorini relatore alla 14° assemblea Espo a Barcellona
  2. Premio Espo Award: undici porti a concorso, nessuno italiano
  3. UE: ESPO su nuovo Regolamento dei porti
  4. ESPO: i porti europei sul Piano Juncker
  5. Porto di Trieste: firmato Memorandum d’intesa con Busan

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=61831

Scritto da Abele Carruezzo su mag 23 2019. Archiviato come Italia, Nautica, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab