Home » Italia, Marinas, News, Porti » INQUINAMENTO DA PLASTICA-GREENPEACE: ALLA FOCE DEL SARNO UNA SITUAZIONE SCIOCCANTE

INQUINAMENTO DA PLASTICA-GREENPEACE: ALLA FOCE DEL SARNO UNA SITUAZIONE SCIOCCANTE

ROMA–Bottiglie, flaconi, bicchieri, buste, confezioni per alimenti e tanti altri contenitori e imballaggi in plastica usa e getta sommergono l’area marina in prossimità della foce del fiume Sarno in Campania. È quanto emerge dalle attività di ricerca e documentazione svolte da Greenpeace e Castalia nell’ambito del Tour MayDaySOSPlastica.

«Uno scenario scioccante con enormi quantità di rifiuti che invadono spiaggia e fondali, figlio inevitabile del modello di consumo basato sull’impiego di grandi quantità di plastica usa e getta. Come se non bastasse dobbiamo ricordare che quella documentata è solo la parte visibile del problema, i fiumi possono portare in mare anche grandi quantità di microplastiche non individuabili a prima vista», dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia.

Secondo studi recenti l’80 per cento delle microplastiche – particelle inferiori ai 5 millimetri di dimensioni – ha origine in ambienti terrestri e da lì, trasportata principalmente dai fiumi, arriva nei mari di tutto il mondo. I fiumi, quindi, sono dei veri e propri nastri trasportatori di rifiuti plastici dai centri urbani fino a quella che sta ormai diventando la più grande discarica del Pianeta: il mare.

L’associazione ambientalista sta effettuando, in collaborazione con The Blue Dream Project e i ricercatori dell’Università Politecnica delle Marche e CNR-IAS, il giro del Tirreno Centrale a bordo della Mahayana per monitorare l’impatto dell’inquinamento da plastica nei nostri mari. Dalle indagini svolte nei giorni scorsi emerge che la situazione alla foce del fiume Sarno è davvero allarmante.

Il Tour MayDaySOSPlastica si concluderà l’8 giugno, Giornata mondiale degli Oceani, all’Argentario.

Leggi anche:

  1. Inquinamento marino ed efficienza energetica, i temi dei workshop minambiente nella giornata conclusiva del ForumPA
  2. Strategia Marina: la plastica è il nemico numero 1 dei nostri mari
  3. Rifiuti, a Porto Cesareo inaugurazione centro per la plastica raccolta dai pescatori
  4. LEGGE SALVA MARE, GREENPEACE: «LA MONTAGNA HA PARTORITO UN TOPOLINO»
  5. PLASTICA, GREENPEACE: «VOTO PARLAMENTO UE È SEGNALE IMPORTANTE, ORA IL GOVERNO ITALIANO AGISCA RAPIDAMENTE»

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=61974

Scritto da Redazione su mag 28 2019. Archiviato come Italia, Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab