Home » Diporto, Italia, News, Porti » Collisione in Laguna

Collisione in Laguna

Venezia-2 giugno  “festa della Repubblica” tra la bandiera disegnata dalle Frecce Tricolore nel cielo di Roma, alla nave da crociera che ridisegna la Laguna di Venezia.  Un’ avaria al timone e la rottura del cavo da rimorchio causano la collisione tra la nave da crociera della MSC e il traghetto turistico nel Canale della Giudecca, compromettendo strutture e ferendo persone. Sicuramente si è verificato un blackout totale  vista l’assenza di operazioni con i thrusters e hanno dovuto dare fondo alle ancore.

La collisione che sarà analizzata in seguito sicuramente mette a studio due problemi importanti: la guidance di una nave cosi grande che naviga in acque ristrette e la capacità del bridge team compreso il Pilota a non aver considerato ulteriori forze accidentali durante la manovra per l’attracco, compreso anche il traffico lagunare di vaporetti . Siamo comandanti o conduttori di un veicolo di trasporto che va per mare?

I rimorchiatori ed ormeggiatori sono servizi che garantiscono sicurezza alla navigazione? O sono solo servizi tecnici – per modo di dire e di fare – che riguardano la “fase-economica” di una nave e non la fase nautica? Se occorre un altro rimorchiatore nella manovra (entrata/uscita da un porto) per le condimeteomarine, non sarà certo il comandante della nave a rifiutarlo; ma sarà il Comandante del  Porto, espressione alta di Autorità Marittima, ad obbligarlo.

Per cui la collisione di oggi metterà a fuoco questioni antiche; forse sarà la fine per la navi da crociere attraversare il Canale principale della Laguna di Venezia? O in alternativa obbligare più rimorchiatori per l’entrata/uscita dal porto? O una buona e migliore pratica ad un “simulatore della navigazione” per formarsi ed accrescere le competenze di un team di coperta di una nave ?

Credo che una buona revisione dei programmi di studio della nostra istruzione tecnica nautica vada fatta e credo anche di finirla con le varie progettualità  di “alternanza scola lavoro” necessari solo a far guadagnare industrie e vari docenti.  Comunque altri porti non sono paragonabili a quello di Venezia.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Grandi navi a Venezia: per il sindaco Brugnaro “entrino in laguna pagando”
  2. TITOLI PROFESSIONALI PER IL TRASPORTO PUBBLICO IN LAGUNA, UNA LEGGE “AD AZIENDAM”?
  3. Porto di Venezia: vertice con Letta. Comitato vuole Laguna off-limits
  4. Collisione in porto a Bari tra Superfast e nave da crociera
  5. Extreme Sailing Series: day 3 con collisione

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=62240

Scritto da Abele Carruezzo su giu 2 2019. Archiviato come Diporto, Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab