Home » Italia, News, Porti » PLASTICA, GREENPEACE NAVIGA NELL’HOTSPOT DEL TIRRENO

PLASTICA, GREENPEACE NAVIGA NELL’HOTSPOT DEL TIRRENO

CAPRAIA (LI) – «Una vera e propria “zuppa di plastica”, insieme a materiale organico di vario tipo, è quello che abbiamo trovato oggi nel Mar Tirreno, nella zona tra Elba-Corsica-Capraia all’interno del Santuario dei Cetacei. Bottiglie, contenitori in polistirolo utilizzati nel settore della pesca, flaconi, buste e bicchieri di plastica… per lo più imballaggi che vengono usati per pochi minuti ma restano in mare per decenni, hanno accompagnato la nostra navigazione», dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia.

Greenpeace, con il CNR-IAS di Genova e l’Università Politecnica delle Marche, sta percorrendo il Mar Tirreno centrale per monitorare lo stato di inquinamento dei nostri mari.

«Quello che abbiamo documentato dimostra come la plastica sia ovunque, anche in aree che sulla carta dovrebbero essere protette, come il Santuario Pelagos. In questo tratto di mare, per una convergenza di correnti, si crea un hotspot di plastica che si estende in uno spazio di alto valore naturalistico per la presenza di numerose specie di cetacei. Abbiamo effettuato dei campionamenti con i ricercatori a bordo per verificare anche la presenza di microplastiche: i risultati saranno noti nei prossimi mesi», aggiunge Ungherese.

Con una petizione sottoscritta da più di tre milioni di persone in tutto il mondo Greenpeace chiede ai grandi marchi di ridurre drasticamente la produzione di plastica, a partire dall’usa e getta. «Solo così possiamo davvero intervenire sul problema e salvare i nostri mari e le specie che lo popolano».

Il Tour MayDaySOSPlastica si concluderà l’8 giugno, Giornata mondiale degli Oceani, all’Argentario.

Leggi anche:

  1. INQUINAMENTO: GREENPEACE A OLBIA PER UN FUTURO PLASTICA ZERO
  2. IL TOUR MAYDAYMAYDAY SOS PLASTICA DI GREENPEACE E THE BLUE DREAM PROJECT SBARCA IN SARDEGNA
  3. INQUINAMENTO DA PLASTICA-GREENPEACE: ALLA FOCE DEL SARNO UNA SITUAZIONE SCIOCCANTE
  4. LEGGE SALVA MARE, GREENPEACE: «LA MONTAGNA HA PARTORITO UN TOPOLINO»
  5. PLASTICA, GREENPEACE: «VOTO PARLAMENTO UE È SEGNALE IMPORTANTE, ORA IL GOVERNO ITALIANO AGISCA RAPIDAMENTE»

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=62358

Scritto da Redazione su giu 5 2019. Archiviato come Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab