Home » Europa, News, Porti, Trasporti » Port of Rotterdam: memorandum di cooperazione con le regioni del Reno

Port of Rotterdam: memorandum di cooperazione con le regioni del Reno

Monaco-I porti del Europa settentrionale accelerano e puntano ad una sostanziale cooperazione. Il porto di Rotterdam non solo rimane il più grande porto marittimo europeo, ma rappresenta anche uno dei principali motori dell’innovazione nella logistica portuale.

Il porto di Rotterdam e il gruppo dei porti del Basso Reno, il DeltaPort Niederrheinhäfen, hanno sottoscritto, a Monaco, un memorandum d’intesa per privilegiare le tre modalità di trasporto: mare-strada- e fiume – ferro. L’obiettivo è si connettere l’entroterra della Vestfalia del Nord sul fiume Reno, riducendo così le emissioni di CO2 nei trasporti e nella logistica attraverso l’uso ottimale del calore di scarto.

Dell’accordo fanno parte i cinque porti della regione della Westfalia: il porto di Wesel, il porto di Rhein-Lippe Wesel, il porto di Voerde-Emmelsum, quello di Emmerich ed il porto di  Rheinberg-Orsoy. L’intesa faciliterà il passaggio delle merci in/out area portuale di Rotterdam, dalla modalità strada (su camion) a quella su corsi d’acqua e ferrovie, rendendo il sistema dei trasporti della regione più ecologico.

Sostanzialmente, Rotterdam, grazie a tale accordo con il gruppo DeltaPort, si apre una via interna verso la regione del Ruhr, dentro al Münsterland, passando per la Vestfalia orientale e fin dentro alla Vestfalia meridionale, Infatti, tali regioni hanno una forte capacità d’offerta di prodotti agricoli sfusi, per cui aumenterà la domanda di container, rinforzando le fasi di riempimento e assemblaggio e stoccaggio delle merci; fasi importanti di una logistica produttiva nell’ottimizzare la supply chain.

Il memorandum prevede la cooperazione in tre settori strategici. a) logistica della catena del freddo: i porti stanno assistendo a una forte crescita dell’area della logistica della catena del freddo; i partner dell’intesa esploreranno insieme le modalità di trasporto efficiente/sostenibile cercando il come intervenire su questi flussi di merci. b) digitalizzazione: il processo di digitalizzazione e nella logistica deve essere portato avanti; l’obiettivo congiunto della parti sarà quello di una organizzazione più efficiente nei trasporti, durante il trasferimento,  e durante le fasi di stoccaggio e commissionamento delle merci, compresa una maggiore trasparenza per i clienti.

Lo scambio d’informazioni digitali e strutturali tra il Porto di Rotterdam e i porti della regione del Basso Reno sarà reso più ottimale e trasparente, favorendo una maggiore trasparenza e affidabilità nell’integrazione della intermodalità dei trasporti. c) sostenibilità: l’intesa si focalizzerà nella progettazione ecologicamente sostenibile dei singoli passaggi comprese le soluzioni logistiche. Rotterdam offrirà la sua matura esperienza nella riduzione delle emissioni di gas serra in atmosfera e DeltaPort assicurerà una crescente utilità ai clienti con progetti innovativi.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Internet of Things: port of Rotterdam connesso
  2. Porto di Rotterdam: i piloti garanti delle informazioni nautiche
  3. Rotterdam: World Port Days occasione per riforme importanti
  4. Porto di Rotterdam: nell’ultimo trimestre 110,6 milioni di tonnellate di merci
  5. Porto di Taranto: accordo con Rotterdam

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=62504

Scritto da Abele Carruezzo su giu 7 2019. Archiviato come Europa, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab