Home » Italia, Marinas, News, Porti » Turismo: Fedriga, Weels on waves esempio per migliorare accessibilità

Turismo: Fedriga, Weels on waves esempio per migliorare accessibilità

Lignano Sabbiadoro - “Accessibilità vuol dire anche economia: l’azione di Andrea Stella, che ha messo a disposizione la sua sofferenza e le sue risorse per il bene di altre persone meno fortunate non riveste esclusivamente carattere sociale. Ma è un esempio da saper cogliere per gli effetti positivi che potranno derivare per l’attrattività turistica dalla più agevole accessibilità delle realtà pubbliche e private, di locali pubblici, ristoranti, alberghi e servizi. Strutture che, in tal modo, rispondendo a una specifica e legittima necessità di una parte degli ospiti, accresceranno l’attrattività turistica con effetti positivi sull’economia regionale”.

Il governatore della Regione, Massimiliano Fedriga, presente tra gli altri l’assessore alle Finanze, Barbara Zilli, ha voluto evidenziare con queste parole l’impegno e i traguardi raggiunti dal velista e scrittore Andrea Stella, un appassionato del mare costretto sulla sedia a rotelle da un tentativo di rapina subito all’estero dove si trovava in vacanza, che da allora ha voluto mettere a frutto la propria inventiva e la forza d’animo per il bene di altri diversamente abili.

Fedriga ha infatti partecipato a Lignano Sabbiadoro, al Marina Punta Faro, alla presentazione del nuovo progetto di Stella, “WoW – weels on waves” che si propone di favorire l’avvicinamento al mondo del mare e alla vela delle persone diversamente abili grazie al suo catamarano “Lo Spirito di Stella”.

Nell’occasione, è stato presentato anche un nuovo dispositivo con motore elettrico, da lui ideato, che permette di mettere facilmente in movimento le carrozzelle dei diversamente abili, e consente loro di spostarsi anche sulla terraferma, perfino sulle strade non asfaltate.

Andrea, dopo il grave episodio avvenuto nel 2003 che gli impedisce di camminare, si è prodigato per studiare come facilitare l’accesso alle imbarcazioni.

Ha così ideato accorgimenti particolari per consentire anche a chi non ce la potrebbe fare da solo di vivere a bordo del catamarano. Che ha adattato anche personalmente, per permettere a tutti di salire a bordo, di scendere sotto coperta nelle cuccette grazie a elevatori elettrici particolari, ma anche di muoversi lungo i due scafi dell’imbarcazione su due seggiolini, installati su entrambi i lati, che scorrono su una rotaia installata da poppa a prua e permettono davvero a chiunque salga a bordo di godersi pienamente le bellezze della navigazione. Il progetto “Wow weels on waves”, vuole dunque fare provare a tutti l’emozione del mare, e al termine dell’estate concluderà la stagione velica alla Barcolana.

“Oggi – ha detto Fedriga – assieme alla grande disponibilità di Andrea Stella, ho potuto comprendere che bastano piccoli accorgimenti alle strutture esistenti per rendere ancor più competitiva sui mercati la nostra offerta turistica: accorgimenti volti a migliorare l’accessibilità non solo delle persone più sfortunate, ma anche degli anziani e delle mamme con i passeggini”. “Si tratta – ha concluso il governatore – di un’utenza che sarà sicuramente attratta da realtà turistiche nelle quali si è saputo pensare anche a loro, superando ed eliminando le ultime barriere architettoniche”. ARC/CM/ep

Foto: Regione FVG

Leggi anche:

  1. RISPOSTE TURISMO: al via ad Ancona la quarta edizione di Adriatic Sea Forum – cruise, ferry, sail & yacht, l’appuntamento biennale, internazionale e itinerante di riferimento per il turismo via mare in Adriatico
  2. Marina Cala de’ Medici entra a far parte del Sistema per il Turismo Innovativo nell’Alto Mediterraneo
  3. Analisi sullo speciale -turismo crocieristico- di Risposte Turismo
  4. Porto di Venezia: nuova accessibilità scalo commerciale di Marghera
  5. Turismo e turismo nautico

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=62548

Scritto da Redazione su giu 8 2019. Archiviato come Italia, Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab