Home » Italia, News, Porti, Trasporti » Appello del Propeller Club di Venezia per consentire al porto lagunare di attuare il suo indispensabile sviluppo

Appello del Propeller Club di Venezia per consentire al porto lagunare di attuare il suo indispensabile sviluppo

Bernardo: siamo tutti sulla stessa barca, non per cercare il naufragio ma per dare un concreto contributo al futuro del nostro porto e della blue economy

Il Propeller Club di Venezia ha lanciato un appello ad enti locali, associazioni di categoria e al mondo imprenditoriale e del lavoro in genere per – ha spiegato l’associazione culturale che riunisce operatori dei settori del trasporto – «far fronte comune, abbandonando sterili polemiche e atteggiamenti autoreferenziali, per creare, invece, quell’indispensabile massa critica di consensi condivisi che consenta al porto di Venezia di attuare il suo indispensabile sviluppo nella riqualificazione e valorizzazione delle sue grandi aree oggi disponibili e ai suoi 16.000 addetti la certezza del proprio posto di lavoro».

La decisione di rivolgere questo appello è stata assunta dal consiglio direttivo del Propeller Club riunitosi per analizzare le recenti dichiarazioni del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, e di quello dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, sul problema delle grandi navi a Venezia nonché quanto è emerso dall’indagine conoscitiva sulle possibilità di crescita o sull’eventuale declino della portualità lagunare che è stata realizzata nei giorni scorsi da una qualificata rappresentanza del Propeller Club all’evento fieristico Transport Logistic di Monaco di Baviera (del 10 giugno 2019).

L’appello giunge anche a seguito della recentissima restrittiva ordinanza della Capitaneria di Porto di Venezia per il passaggio delle grandi navi e delle sue ripercussioni sull’attività portuale e sulle decisioni delle compagnie di navigazione.

«Pur nel rispetto dei singoli, diversi, molteplici contributi mirati alla salvaguardia dell’ambiente, alla sicurezza della navigazione all’interno della laguna, ecc. ecc. – ha detto il presidente del Propeller Club, Massimo Bernardo, illustrando le motivazioni dell’iniziativa – dev’essere comunque fermata con forza l’onda di chi vuole alimentare lo scontro piuttosto che facilitare il sereno confronto tra i tanti attori del cluster. Siamo – ha sottolineato Bernardo – tutti sulla stessa barca – imprenditori, lavoratori enti pubblici e associazioni di categoria – non certo per cercare il naufragio, ma per dare un concreto contributo al futuro del nostro porto e più in generale alla blue economy.

Se dall’indagine conoscitiva, in primis, emerge quanto ancora poco si conosca relativamente alle grandi potenzialità dei nostri scali – ha concluso il presidente del Propeller Club di Venezia – appare invece evidente come per i nostri porti lagunari sia urgente proporsi ai mercati internazionali a livello sistemico con aeroporti, interporti e grandi infrastrutture».

Leggi anche:

  1. Dall’indagine del Propeller Club al Transport&Logistic di Monaco di Baviera: Traghetti,crociere,infrastrutture : pregi e criticità del porto di Venezia
  2. INQUINAMENTO ATMOSFERICO PRODOTTO DAL TRAFFICO NAVALE: CONFERENZA DEL PROPELLER CLUB VENEZIA
  3. Propeller Club of Venice: martedì 13 convegno su “Riconversione e bonifiche a Porto Marghera”
  4. “NAPA: piattaforma offshore e collegamenti intermodali”: convegno del Propeller di Venezia
  5. Assemblea del Propeller Club Port Venice: dalle crociere al commerciale l’incerta rotta del porto di Venezia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=62997

Scritto da Redazione su giu 19 2019. Archiviato come Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab