Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti » L’ingegner Ennio Spadavecchia presenta il progetto dell’elettrificazione delle banchine del porto di Prà

L’ingegner Ennio Spadavecchia presenta il progetto dell’elettrificazione delle banchine del porto di Prà

Dichiarazione dell’Ingegner Ennio Spadavecchia, Project Manager di Nidec ASI, che oggi ha partecipato al convegno “L’elettrificazione delle banchine dei Porti del Mar Ligure Occidentale,” evento promosso dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, che si è tenuto oggi a Genova presso Palazzo san Giorgio.

 

L’Ingegner Spadavecchia, nel corso del suo intervento, ha illustrato il progetto dell’elettrificazione delle banchine del porto di Prà e le referenze di Nidec ASI quale azienda leader nel settore della fornitura di sistemi di alimentazione delle navi da terra.

“L’elettrificazione delle banchine dei porti rappresenta una tappa fondamentale nel percorso verso la riduzione dell’impatto ambientale in termini di emissioni acustiche e di agenti inquinanti e verso una maggiore sostenibilità energetica delle attività portuali, rispondendo alle direttive dell’Unione Europea, opportunamente recepite dalla legislazione nazionale, e mantenendo la sicurezza sempre in primo piano.

Nidec ASI, grazie ad una leadership consolidata nella progettazione di sistemi complessi, nel mercato dell’energy storage (BESS) e nel settore marine, forte delle diverse applicazioni di sistemi shore-to-ship già installate, è stata scelta lo scorso anno dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale per sviluppare l’innovativo sistema di alimentazione elettrica delle navi nel porto container di Prà.

Un progetto centrale nella riduzione delle emissioni delle navi attraccate, che rappresentano una significativa fonte d’inquinamento dell’aria per un territorio densamente popolato come quello di Genova, contribuendo al contempo ad abbattere l’inquinamento acustico. La trasformazione dei porti, grazie alle tecnologie shore-to-ship, in ottica di maggiore sicurezza ed ecosostenibilità, può inoltre avere un impatto positivo per l’economia della città e di tutto il Sistema Paese.

Nidec ASI è stata inoltre recentemente incaricata di installare nello stesso porto di Prà un sistema di energy storage all’avanguardia basato su supercondensatori che, integrato al sistema di automazione e coordinamento, permetterà di ottimizzare la gestione dell’energia che alimenta le gru presenti in porto. Con queste innovative soluzioni, Nidec ASI si conferma gruppo fortemente impegnato nella promozione di un modello di sviluppo più sostenibile, attraverso tecnologie in grado di movimentare persone e merci utilizzando maggiormente le energie rinnovabili e abbattendo le emissioni inquinanti.”


Leggi anche:

  1. Convegno sull’elettrificazione delle banchine del Porto di Genova
  2. L’ADSP di Genova presenta gli interventi straordinari finanziati dal Decreto Genova alla IX Commissione Trasporti
  3. Autostrade del Mare. Di Majo: “A Civitavecchia necessario il completamento delle banchine della darsena traghetti per lo sviluppo ecosostenibile delle AdM”
  4. Porto di La Spezia: entro 2025 elettrificazione delle banchine
  5. Porto di La Spezia: primo passo per l’elettrificazione delle banchine

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=63774

Scritto da Redazione su lug 2 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab