Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti » Trasporti e logistica sul Tavolo di Partenariato

Trasporti e logistica sul Tavolo di Partenariato

Roma-Lo avevano salutato tutti – il Tavolo di Partenariato – come lo strumento strategico, inserito nella legge Delrio, previsto dalla normativa europea, per lo sviluppo della portualità e della logistica lungo l’intera piattaforma trasportistica “Italia” del continente europeo.

Così ancora non stato, visto l’unica convocazione fatta alla fine della scorsa legislatura. Forse il Ministero non tiene – o non crede – favorire un confronto organico e strutturato tra Ministero Infrastrutture Trasporti e Logistica e le Autorità di Sistema portuale; qualcuno osserva che per il Governo “giallo – verde “ convocare detto Tavolo di Partenariato non è una priorità. Eppure, nella nuova legge sulla portualità e logistica italiana, si legge che compito del tavolo di partenariato è di favorire un confronto organico e strutturato tra decisore pubblico e “corpi intermedi”, al fine di favorire il reciproco ascolto necessario e strategico per una governance condivisa delle politiche pubbliche di settore.

Per questo Confetra (Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica) e le Organizzazioni sindacali Filt – Cgil, Fit – Cisl e Uiltrasporti, con una lettera indirizzata al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, chiede con urgenza la convocazione del Tavolo di Partenariato per la Logistica e i Trasporti.

Lo scenario per giustificare la convocazione del tavolo è importante e in continua evoluzione. Si parla di integrazioni oligopolistiche verticali, la digitalizzazione e l’automazione, le restrizioni protezionistiche sui mercati internazionali, gli interessi nazionali generati dalla strategia della “via della seta”, la regolamentazione nazionale ed europea, la revisione delle reti TEN-T, il pacchetto mobilità, l’industria italiana della logistica e soprattutto della sua catena.

Dossier-Vi sono anche da trattate i vari dossier ancora aperti e forse dimenticati, come il Contratto di Programma RFI legato alla piena realizzazione dei corridoi; incentivi per lo shift modale Ferrobonus e Marebonus in scadenza quest’anno; le varie crisi occupazionali dei lavoratori in tanti porti; nuovi servizi da organizzare nei settori legati all’e-commerce e alla distribuzione urbana.

La lettera al ministro finisce: “Le chiediamo quindi, signor ministro, di riconvocare la più presto il Tavolo di Partenariato, dando struttura e continuità a tale lavoro, nell’auspicio che esso possa divenire lo strumento reale e permanente di confronti su questi, e su tutti gli altri temi, attorno ai quali si gioca un pezzo importante della competitività del Paese”. Parliamo di un settore che raggruppa 108 mila imprese, 8oo mila addetti, 85 miliardi di valore, il 9% del Pil del nostro Paese.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Trasporti: Fedriga, Fvg è piattaforma logistica naturale per Baviera
  2. Aree Logistiche, tavolo Mit individua 11 interventi finanziabili
  3. PARTE IL TAVOLO DI PARTENARIATO AL MIT, LA SPINTA DELLA LOGISTICA PER LO SVILUPPO ECONOMICO
  4. IL 6 FEBBRAIO TAVOLO TECNICO DELL’AREA LOGISTICA INTEGRATA SISTEMA PUGLIESE E LUCANO
  5. GIFT 2.0: la piattaforma per le Facilities in logistica e trasporti della Regione Puglia al Logitrans

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=63782

Scritto da Abele Carruezzo su lug 2 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab