Home » Diporto, Italia, News, Porti, Trasporti » Homeport e multiscalo per la crescita del crocierismo in Sardegna

Homeport e multiscalo per la crescita del crocierismo in Sardegna

Oltre mezzo milione di crocieristi, circa 250 toccate nave all’anno ed un appeal sempre più forte sul mercato internazionale. Ma l’obiettivo dell’AdSP del Mare di Sardegna è il salto di qualità: la trasformazione degli scali principali (Cagliari ed Olbia) in Homeport e l’introduzione del multiscalo in un unico itinerario. Due punti chiave sul cui sviluppo l’Ente ha commissionato a Risposte Turismo un approfondito focus di ricerca ed analisi del mercato nell’Isola.

Un lavoro – quello realizzato dalla società di ricerca e consulenza sulla macroindustria turistica – strutturato su un dialogo diretto con gli executives delle principali compagnie crocieristiche, con gli amministratori di terminal crocieristici, agenti generali, agenzie marittime, tour operator e funzionari dei vari enti pubblici coinvolti nel settore. Soggetti che, dall’inizio dell’anno, sono stati intervistati e sollecitati a fornire informazioni su diversi aspetti dell’industria dei giganti del mare, per dare così vita alla prima analisi scientifica sul fenomeno turistico nell’Isola.

“Crocieristica in Sardegna: due possibili fronti di lavoro” il titolo del lavoro presentato oggi da Francesco di Cesare, Presidente di Risposte Turismo, nel corso del convegno organizzato dall’AdSP nella sala congressi del Terminal Crociere del Molo Ichnusa a Cagliari. Non una semplice illustrazione delle risultanze emerse dalla ricerca, ma una vera e propria tavola rotonda, aperta dal Presidente Massimo Deiana e coordinata da Francesco Morandi, docente dell’Università di Sassari ed ex Assessore regionale al Turismo, che ha coinvolto i principali attori locali del cluster marittimo, del comparto turistico, ricettivo e del management aeroportuale; partner indispensabili per lo sviluppo di una crocieristica 2.0.

Perché è proprio dalla sinergia che, secondo il focus di Risposte Turismo, è fondamentale partire. Soprattutto per superare alcune delle criticità rilevate, in particolare quelle legate al salto verso l’Homeport che permetterebbe al crocierista di iniziare il viaggio dalla Sardegna, con evidenti ricadute economiche sul territorio per trasporti, pernottamenti e servizi. Da una parte, il gap dell’insularità che la frequenza dei collegamenti aerei, nonostante il crescente numero di rotte da e per l’Isola, ancora oggi difficilmente compensa i grandi numeri ed i tempi stretti di riempimento della nave da crociera.

Dall’altra, un mercato interno basato su un indice di popolazione decisamente basso per generare una domanda soddisfacente. Restano, però, altri 10 fattori premianti: l’offerta alberghiera (per la quale occorre andare oltre la stagionalità), la logistica, l’accessibilità ferroviaria e stradale, i costi, i servizi e le infrastrutture portuali; la possibilità di accogliere segmenti luxury del traffico, l’affidabilità degli scali, le distanze limitate tra porto e città e, non ultimo, l’appeal della destinazione. Per quanto riguarda l’opzione multiscalo, nel lavoro condotto da Risposte Turismo la Sardegna si presenta fortemente competitiva, riuscendo a registrare anche tre scali consecutivi nello stesso itinerario (è il caso della Silversea che ricomprende anche un ormeggio in rada ad Alghero oltre a quello nei porti di Cagliari ed Olbia).

Il dato sicuramente interessante è quello rilevato ad Oristano, dove la quasi totalità delle navi che scalano il porto rientrano nell’opzione “multiscalo”. Punti di forza, un’offerta mai ripetitiva, che spazia dall’archeologia al folklore, dal patrimonio naturalistico allo spiaggia e sole, ricomprendendo anche l’enogastronomia e lo shopping. Anche in questo caso non mancano le criticità.

Tra queste l’erosione di importanti fette di mercato derivanti dalla ripresa della concorrenza delle località esotiche attualmente chiuse al traffico; il gap – ancora persistente – di notorietà dell’Isola per il grande pubblico e le compagnie; la scarsa valorizzazione della “materia prima”, ossia l’introduzione di destinazioni che vadano oltre il binomio sole e mare, con particolare attenzione alla professionalità di molte agenzie sarde del settore incoming. Il tutto facilmente superabile con la partecipazione attiva di tutti i principali player del settore turistico, pubblici e privati.

“Quello che abbiamo presentato oggi è il primo ed unico focus scientifico sulla crocieristica nella nostra Isola – spiega Massimo Deiana, Presidente dell’AdSP del Mare di Sardegna – Un lavoro che ha coinvolto tutti gli attori di questa vivace industria turistica che, negli anni, si è radicata con ottimi risultati sul nostro territorio. Ma non dobbiamo adagiarci sugli allori. Anche se i dati confermano il trend positivo, occorre studiare nuove strategie per rafforzare la presenza delle compagnie, consolidare ed incrementare un mercato fisiologicamente molto volatile.

Per questo abbiamo commissionato a Risposte Turismo un’analisi su quelle che, secondo noi, possono essere le due strade principali per giocare al rialzo: l’Homeport ed il multiscalo. Se sul primo occorre un lavoro di sviluppo dei collegamenti aerei e la generazione di nuova domanda, non necessariamente radicata sul territorio, dall’altra abbiamo la strada spianata verso il pieno raggiungimento dell’obiettivo, con felici esperienze passate e presenti. Siamo l’unica realtà con sette porti, a breve otto, ed un’offerta escursionistica ed infrastrutturale non paragonabile con quella degli altri competitors.

Per cui, da oggi, con la presentazione di questo focus che offriamo alla riflessione di tutto il cluster marittimo, trasportistico e turistico, parte un lavoro di sinergia per una nuova sfida che, se ci vede tutti uniti, ci porterà sicuramente lontano”. Appello alla collaborazione tra Enti ed operatori turistici anche dal Presidente di Risposte Turismo. “Crescere nella crocieristica – ha commentato Francesco di Cesare nel corso del convegno – può essere un obiettivo da perseguire attraverso molteplici leve e soluzioni.

Puntare ad incrementare il traffico in imbarco e sbarco è una di esse, e per alcuni porti sardi, Cagliari innanzitutto ed eventualmente Olbia, è obiettivo perseguibile, per quanto bisognerebbe tenere presenti almeno tre cose: questa componente di traffico è attualmente molto concentrata nel Mediterraneo su relativamente pochi porti; per creare le condizioni richieste dalle compagnie bisogna lavorare di squadra con impegno da parte di molti soggetti, non solo quelli direttamente coinvolti nella crocieristica; non vanno mai sottovalutati i vantaggi dell’ospitare traffico in transito.

Quanto all’altra soluzione indagata, proporsi cioè con più porti all’interno di uno stesso itinerario, la sfida si sposta sulla capacità di singole città e territori all’interno della Sardegna di proporsi con immagini e caratteristiche proprie, differenti e peculiari. Solo così una compagnia può inserire due o più porti di una stessa isola all’interno di una proposta di viaggio che necessariamente deve essere proposta e percepita come variegata.

È qualcosa che già oggi sta accadendo in Sardegna, e sulla quale sarà possibile lavorare con profitto in futuro se alcuni soggetti locali pubblici (la Regione, i consorzi di promozione, le singole città) e privati (le agenzie incoming, gli organizzatori di tour ed escursioni e non solo) vorranno lavorare in tale direzione”.

Leggi anche:

  1. L’AdSP presenta il primo focus sulla crocieristica in Sardegna
  2. I porti per una Sardegna da sogno, incantano Miami
  3. Analisi sullo speciale -turismo crocieristico- di Risposte Turismo
  4. Crescita record per i primi tre mesi del 2016 nei porti del Nord Sardegna
  5. Autorità Portuale Nord Sardegna e Istituto Panedda siglano il primo progetto rivolto al crocierismo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=64487

Scritto da Redazione su lug 16 2019. Archiviato come Diporto, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab