Home » Ambiente, Italia, News, Porti » Tutelare il mare: sinergie comunicative e condivisione dell’informazione. A Gaeta il corso di formazione professionale per giornalisti con la Guardia Costiera

Tutelare il mare: sinergie comunicative e condivisione dell’informazione. A Gaeta il corso di formazione professionale per giornalisti con la Guardia Costiera

Presso la sala convegni Pio IX di Palazzo de Vio, sede dell’Arcidiocesi di Gaeta, si è tenuto il corso di formazione professionale per giornalisti dal tema “impegno costante e comune per tutelare il mare: sinergie comunicative, condivisione ed efficienza dell’informazione”, organizzato dalla Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI) e dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio, in collaborazione con l’Ufficio Comunicazione del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera.

L’evento, il secondo organizzato presso i Comandi Territoriali del Corpo dopo quello di Civitavecchia, fa seguito a quelli tenutisi presso il Comando Generale e la sede della FNSI.

L’incontro si è aperto con l’intervento del Capo Ufficio Comunicazione del Comando Generale, Capitano di Vascello Cosimo Nicastro, il quale ha condiviso con i numerosi giornalisti presenti le finalità e le caratteristiche sulle quali si basa l’attività di comunicazione della Guardia Costiera in relazione alle diverse fasi delle emergenze che si verificano in mare e che toccano gli interessi più sensibili della collettività.

Lo scopo è favorire una migliore comprensione di informazioni di natura tecnica e  di non immediata comprensione per i non addetti ai lavori, per rendere maggiormente utile e fruibile la notizia dal parte del cittadino, attraverso il racconto mediatico. Un’attività complessa volta a contemperare la gestione operativa dell’emergenza con quella della comunicazione dell’evento: il naufragio della nave Costa Concordia e il disastro ambientale sventato lo scorso anno al largo della Corsica, sono solo alcuni degli eventi mediatici che hanno coinvolto l’ufficio comunicazione della Guardia Costiera  e sono stati  raccontati nel corso della giornata.

L’incontro è proseguito con il saluto del Comandante del porto di Gaeta, incarico recentemente assunto dal Capitano di Fregata Federico Giorgi, che nell’occasione ha voluto ringraziare tutti i giornalisti intervenuti.

Successivamente ha preso la parola il Capitano di Fregata Massimo Lombardi, addetto stampa e comunicazione della Capitaneria di porto di Gaeta, che ha illustrato, attraverso il racconto delle fasi di un soccorso avvenuto nelle acque del Golfo di Gaeta, il rapporto instaurato nell’occasione con la stampa locale.

In conclusione, il Comandante Nicastro ha evidenziato, con l’ausilio di filmati e contenuti multimediali, le recenti attività di comunicazione ambientale condotte dalla Guardia Costiera in tema di lotta alla dispersione delle microplastiche in mare e all’operazione “reti fantasma”, entrambe presentate lo scorso 9 luglio a Fiumicino alla presenza del Ministro dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare Sergio Costa.

Infine, sono stati menzionati gli strumenti di comunicazione utilizzati dal Corpo, tra i quali il Notiziario della Guardia Costiera, rivista ufficiale di cui Comandante Nicastro è il Direttore Responsabile, da quest’anno rinnovata nella grafica e nei contenuti, ma fedele alla tradizione di valori e obiettivi che, come ha sottolineato il Capo Redattore, il maresciallo Marco Di Milla,  hanno caratterizzato i suoi vent’anni di vita.

Leggi anche:

  1. 14/16 Maggio: La Guardia Costiera al Forum PA 2019
  2. La Guardia Costiera al “Villaggio dell’Ambiente”
  3. IL LABORATORIO AMBIENTALE MOBILE DELLA GUARDIA COSTIERA A TORRE GUACETO
  4. La Guardia Costiera nominata Ambasciatore Unicef
  5. Bilancio della Guardia Costiera di Molfetta nell’attività mare sicuro di metà agosto

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=64935

Scritto da Redazione su lug 24 2019. Archiviato come Ambiente, Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab