Home » Internazionale, News, Porti, Trasporti » IMO sollecita la revisione dei piani di safety

IMO sollecita la revisione dei piani di safety

Londra. Il Consiglio dell’Organizzazione Marittima Internazionale (Maritime Safety Council IMO) ha condannato i recenti attacchi a navi mercantili, da parte dei Pasdaran iraniani nello Stretto di Hormuz e nel Mare di Oman, durante la sua ultima riunione della scorsa settimana.

Dopo il dibattito, il Consiglio dell’IMO ha deciso di condannare gli attacchi e ha espresso preoccupazione per il grave pericolo per la vita e per i gravi rischi per la sicurezza della navigazione l’ambiente in cui tali incidenti possono dare origine. Il Consiglio ha inoltre sottolineato la necessità per gli Stati di bandiera e gli armatori e gli operatori di rivedere i piani di sicurezza marittima per le loro navi e attuare misure necessarie per far fronte all’elevato rischio di sicurezza per le navi che operano nello Stretto di Hormuz e nel Mare dell’Oman.

Rivolgendosi al Consiglio dell’IMO, il Segretario generale, Kitack Lim, ha anche rilevato la sua personale condanna degli attacchi, affermando che “le minacce alle navi e ai loro equipaggi, che svolgono pacificamente il loro lavoro in qualsiasi parte del mondo, sono intollerabili”. Lim ha aggiunto: “Esorto caldamente tutti gli Stati membri a raddoppiare i loro sforzi e a lavorare insieme per trovare una soluzione duratura per garantire la sicurezza delle spedizioni internazionali in tutto il mondo e la protezione dell’ambiente marino.

Lo dobbiamo al nostro sistema industriale, indispensabile per il mondo e per i nostri marittimi”. Le misure obbligatorie di sicurezza marittima dell’IMO, contenute nella Convenzione internazionale sulla sicurezza della vita in mare (SOLAS) e nel codice ISPS (International Ship and Port Facility Security), impongono agli armatori e agli operatori di attuare misure adeguate per affrontare i rischi di sicurezza corrispondenti a una varietà di operazioni e fattori come la posizione e la destinazione della nave.

Intertanko. L’altro ieri, anche Paolo d’Amico , presidente di Intertanko, ha dichiarato: “A seguito di due attacchi alle navi da parte dei Pasdaran, sono estremamente preoccupato per la sicurezza dei nostri equipaggi che attraversano lo Stretto di Hormuz. Abbiamo persone di ogni nazionalità e navi di ogni bandiera che transitano ogni giorno sulla cruciale corsia marittima”.

E ancora, d’Amico ha avvertito in particolare il rischio per il commercio di petrolio per l’economia in generale. “Dobbiamo ricordare che circa il 30% del greggio mondiale passa attraverso lo stretto. Se le acque stanno diventando pericolose, l’offerta a tutto il mondo occidentale potrebbe essere a rischio”, ha concluso il presidente di Intertanko. In precedenza Bimco aveva invitato le nazioni a cooperare e a ridurre le tensioni nella regione.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. IMO raccomanda il Fleet Safety Inmarsat nelle comunicazioni marittime
  2. Allianz Global: safety e shipping
  3. Safety-Crociere: approvate le nuove regole
  4. Security and Safety at sea iraniana aumenta
  5. Safety at Sea International Awards 2011

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65015

Scritto da Abele Carruezzo su lug 25 2019. Archiviato come Internazionale, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab