Home » Internazionale, Legislazione, News, Porti, Trasporti » L’Italia tra Corno d’Africa e Stretto di Hormuz

L’Italia tra Corno d’Africa e Stretto di Hormuz

Roma. L’Italia conferma i suoi interessi nella regione del Corno d’Africa e il suo ruolo a garanzia della sicurezza della navigazione. In questi giorni, il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, con il vice ministro degli Affari Esteri, Emanuela Del Re, è tornata a far visita ai militari italiani di base a Gibuti,  impegnati in diverse missioni in quell’area.

Durante la visita istituzionale, i ministri italiani hanno avuto incontri anche con le Autorità locali. Il ministro Trenta ha affermato che “garantire la libertà di navigazione nella regione è di fondamentale importanza per la sicurezza delle nostre navi commerciali e rappresenta un primo passo per costruire maggiore sicurezza e stabilità in tutta l’Africa”.

A Gibuti, i nostri militari hanno portato a termine un corso di formazione professionale e di addestramento a favore della Guardia Costiera gibutiana. Il programma di addestramento ha previsto attività di anti-pirateria nelle acque del Golfo di Aden e oltre; attività di supporto dei Paesi nell’area e sostegno logistico alle operazioni italiane in Somalia, dove è presente un contingente di circa cinquanta carabinieri in operazioni di training alle Forze di polizia locale.

E’ noto che il Corno d’Africa resta un’area d’interesse strategico per l’Italia, ma anche per Paesi come Cina e Francia; regione di mare che rimane d’attualità per la “guerra delle petroliere”che sta interessando il vicino Stretto di Hormuz. Quest’area di mare sta subendo una forte escalation connessa alle dinamiche dei flussi merceologici che legano Asia ed Europa.

Ultimamente, tale legame geopolitico è stato evidenziato dal nuovo Capo di Stato Maggiore della Marina, Giuseppe Cavo Dragone, durante la sua presentazione delle linee programmatiche alle Commissioni Difesa di Senato e Camera. “Lo Stretto di Hormuz – ha riferito Dragone – si presenta come un focolaio di tensioni dagli sviluppi imprevedibili, per il quale si sta ventilando l’ipotesi di un pattugliamento navale internazionale per assicurare la libertà di navigazione”.

Sappiamo che la missione di pattugliamento è portata avanti dagli Stati Uniti e Regno Unito, determinati a fronteggiare Teheran, e cercando di coinvolgere gli alleati. Il Parlamento italiano, in questi ultimi mesi, per la missione Ue “Atalanta”, ha autorizzato un impiego massimo di 407 militari, due mezzi navali e altrettanti velivoli a garanzia della stabilità dell’intero Corno d’Africa.

Inoltre, “ l’Italia con le sue unità navali è presente nelle acque limitrofe per sei mesi l’anno, e quindi, se richiesto – ha concluso Cavo Dragone – potrebbe agire nel dare forza al pattugliamento e qualora il Governo ne ravveda la necessità”.  Per ora il Governo italiano non si è espresso, ma il nostro coinvolgimento non è da escludere per interessi commerciali e geopolitici, per la presenza quasi continua nell’area e per l’esperienza dimostrata in tante missioni eseguite sul quel tratto di mare.

 

Abele Carruezzo


© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Trump e la “massima pressione” su Hormuz
  2. La Fregata della Marina Militare guida l’Operazione Atalanta per il contrasto alla pirateria nel Corno d’Africa
  3. UK: chiede missione navale europea per navigazione sicura nello Stretto di Hormuz
  4. Energia: gas trasportato dal Nord Africa per l’Europa
  5. INCONTRO CON I GRANDI SQUALI IN SUD AFRICA

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65323

Scritto da Abele Carruezzo su ago 1 2019. Archiviato come Internazionale, Legislazione, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab