Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti » NASCE F2i HOLDING PORTUALE: L’avv. Umberto Masucci è il nuovo presidente

NASCE F2i HOLDING PORTUALE: L’avv. Umberto Masucci è il nuovo presidente

L’avv. Umberto Masucci è il nuovo presidente della società che detiene terminal a Marina di Carrara, Venezia e Chioggia

Milano– F2i annuncia la creazione di F2i Holding Portuale F2i (FHP), il nuovo polo portuale del fondo infrastrutturale nato in seguito alla recente acquisizione di Porto di Carrara S.p.a,, gruppo di terminali attivo nei porti di Marina di Carrara, Venezia e Chioggia.

Presidente del consiglio di amministrazione di FHP è stato nominato l’avv.Umberto Masucci, storica figura del comparto marittimo-portuale italiano. L’avv. Masucci è presidente nazionale del Propeller Club e vicepresidente della Federazione del Mare. E’ stato presidente mondiale dell’Associazione Agenti Marittimi ed è stato membro del consiglio di amministrazione dei porti di Napoli, Castellamare e Salerno.

“Le infrastrutture portuali costituiscono uno snodo strategico per la competitività e l’economia nazionale”, ha commentato Renato Ravanelli, amministratore delegato di F2i, “sono certo che FHP sarà in grado di cogliere le opportunità di crescita di un settore ancora frammentato”.

“Ho accettato con entusiasmo la proposta di F2i, credo infatti che l’ingresso nella portualità italiana del primo fondo infrastrutturale italiano possa contribuire all’ulteriore crescita, aggregazione ed infrastrutturazione del settore portuale italiano. Abbiamo ora la grande sfida di replicare nel settore portuale i successi ottenuti da F2i negli aeroporti italiani”, ha dichiarato Umberto Masucci

F2i, acronimo di Fondi italiani per le infrastrutture, è una società di gestione del risparmio fondata nel 2007 e guidata dall’Amministratore Delegato Renato Ravanelli. F2i è il più grande fondo infrastrutturale attivo in Italia e uno dei maggiori in Europa, grazie alla gestione di asset per circa € 5 miliardi investiti in settori chiave: aeroporti, energie rinnovabili, distribuzione del gas naturale, ciclo idrico integrato, telecomunicazioni, infrastrutture socio-sanitarie. Attraverso le sue partecipate F2i dà lavoro a più di 17 mila persone in Italia e milioni di utenti ogni giorno utilizzano i servizi e le infrastrutture delle società in portafoglio.

F2i Sgr ha 19 soci, tra cui fondazioni di origine bancaria, casse di previdenza e fondi pensione nazionali ed esteri, istituzioni finanziarie nazionali e internazionali, fondi sovrani.  I fondi gestiti da F2i Sgr sono sottoscritti da investitori professionali italiani ed esteri.

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: incontro presidente Parlamento europeo Tajani con presidente Giampieri e cluster portuale
  2. Masucci sull’approvazione del piano di sviluppo della Zes Campania
  3. Fondo nazionale marittimi: Angelo D’Amato è il nuovo presidente
  4. Masucci: “La riforma? Serve governance efficiente per i porti”
  5. Porto di Napoli: Masucci chiede nomina per l’Authority

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65295

Scritto da Redazione su ago 1 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab