Home » Diporto, Internazionale, News, Porti » USA + UK via alla missione militare nel Golfo Persico

USA + UK via alla missione militare nel Golfo Persico

Londra. E’ deciso, la Gran Bretagna parteciperà con gli Stati Uniti alla “missione di sicurezza marittima”per sorvegliare le acque del Golfo Persico e in particolare lo Stretto di Hormuz, rendendo sicura la navigazione alle navi mercantili. Declinata del tutto la missione europea, l’asse Berlino Parigi Bruxelles non ha voluto schierarsi per evitare di compromettere una diplomazia europea nel mantenere l’Iran nell’accordo sul programma nucleare; e che comunque lo stesso Iran avrebbe interpretato lo schieramento militare Ue come cooperazione con gli Stati Uniti.

Il Regno Unito, con la missione annunciata da Centcom – operazione sentinella – messa in atto dall’esecutivo di Boris Johnson, è determinato a garantire che il suo trasporto marittimo sia protetto da minacce illegali e perciò le acque dello Stretto di Hormuz e di Bab el-Mandeb vanno controllate, visto le precarie relazioni tra Teheran e gli Stati Uniti.

La missione marittima per monitorare con le forze aree e navali la rotta del Golfo Persico arriva dopo alcuni episodi-chiave che hanno segnato questa escalation. Ci si riferisce ai Pasdaran che hanno sequestrato la Stena Impero, petroliera britannica ferma da giorni a Bandar e Abbas, dopo che i Royal Marines inglesi hanno sequestrato la petroliera iraniana Grace I al largo di Gibilterra.

La decisione di Londra di partecipare alla task force marittima a guida Usa, dimostra che le relazioni politiche nel vecchio continente sono cambiate grazie al Premier Boris Johnson. Gli Usa, rafforzando l’asse con l’UK, dimostrano di non avere più bisogno dell’Europa e legittimano l’asse atlantico antico. Mentre per Boris Johnson, che non ha mai nascosto il voler rafforzare il legame con Donald Trump, potrà contare su un valido alleato per portare avanti l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea entro il 31 ottobre 2019.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. USA: dal Golfo Persico al Messico
  2. UK: chiede missione navale europea per navigazione sicura nello Stretto di Hormuz
  3. Lo Shipping mondiale condanna l’attacco alle due petroliere nel Golfo di Oman
  4. Ue: necessario estendere missione antipirateria
  5. Unione Europea: prolungata la missione anti-pirati

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65487

Scritto da Abele Carruezzo su ago 6 2019. Archiviato come Diporto, Internazionale, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab