Home » Italia, Legislazione, News, Porti » Entrano in funzione gli Uffici Territoriali Portuali nel sistema dell’Adriatico meridionale

Entrano in funzione gli Uffici Territoriali Portuali nel sistema dell’Adriatico meridionale

Il Comitato di gestione dell’AdSP dà il via libera all’istituzione degli uffici funzionali al decentramento amministrativo dell’Ente

 

Bari-Nei porti di Bari, Brindisi e Manfredonia entrano in funzione gli Uffici Territoriali Portuali (UTP). Il Comitato di gestione dell’AdSP MAM, riunitosi lo scorso 31 luglio, ha dato, infatti, il via libera all’istituzione degli UTP, previsti dal D.Lgs. n. 169/2016: “Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione della disciplina concernente le Autorità portuali di cui alla legge 28/01/1994, n. 84.”

Secondo la Legge di riforma, infatti, i sistemi portuali si avvalgono di un ente di governo a livello centrale – appunto la AdSP – e di strutture amministrative a livello locale, previste dall’art. 6 bis che introduce la costituzione di uffici periferici e, in particolare: nei porti originariamente sede di Autorità portuali, di strutture denominate Uffici Territoriali Portuali, diretti dal segretario generale o da un suo dirigente delegato.

I compiti di tali strutture sono di tipo: a)istruttorio, con riferimento all’adozione delle deliberazioni di competenza dell’AdSP; b)propositivo, per ciò che attiene le materie di rilievo locale; c)amministrativo, su delega del Comitato di gestione, nelle questione di rilievo minore (ad esempio il rilascio delle concessioni fino ad un massimo di quattro anni, previo parere della Commissione Consultiva e sentito il Comitato di gestione)  d) manutentivo, per le minori di carattere ordinario.

“L’istituzione degli UTP imprime un ulteriore e vigoroso impulso alla macchina amministrativa dell’Ente – commenta il presidente dell’AdSP MAM Ugo Patroni Griffi- offriamo alla nostra utenza un servizio celere, capillare e più vicino alle esigenze del territorio; alleggerendo, altresì, notevolmente la mole di lavoro in carico a livello centrale. Puntiamo su un Ente snello, veloce ed efficace, in grado di rispondere pienamente e tempestivamente alle esigenze delle comunità portuali e degli stakeholders, allineandoci concretamente ai modelli nord-europei di semplificazione della macchina burocratico-amministrativa.”

Leggi anche:

  1. CONVENZIONE TRA AMIU PUGLIA E AUTORITÀ DI SISTEMA PORTUALE DEL MARE ADRIATICO MERIDIONALE PER IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI PRODOTTI NEL PORTO DI BARI
  2. Intervista esclusiva al presidente Ugo Patroni Griffi sul Sistema dell’Autorità Portuale/Adriatico Meridionale
  3. Aeroporti di Puglia e Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale: insieme per un “futuro di Sistema”
  4. Tito Vespasiani è il nuovo segretario generale dell’Autorità di sistema del Mare Adriatico Meridionale
  5. Autorità di sistema del Mar Adriatico meridionale: protocollo per la logistica integrata

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65855

Scritto da Redazione su ago 23 2019. Archiviato come Italia, Legislazione, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab