Home » Ambiente, Diporto, Italia, News, Porti, Trasporti » Green Port: riduzioni delle emissioni in porto e rispetto delle norme ambientali

Green Port: riduzioni delle emissioni in porto e rispetto delle norme ambientali

Ecco una panoramica sull’ambiente dell’AdSP nel porto di Civitavecchia negli ultimi anni: riduzioni delle emissioni in porto, rispetto delle norme, elettrificazione delle banchine e maggiori incentivi per chi inquina meno

 

CIVITAVECCHIA– La quasi totalità delle navi che scalano il porto di Civitavecchia rispettano le Norme in materia di emissioni in atmosfera (e quelle che non le rispettano vengano sanzionate dai competenti Enti), ed in alcuni casi rilasciano in atmosfera sostanze in quantità inferiore a quella permessa.

Dagli anni ’90 la qualità dei combustibili marini è decisamente migliorata (basti pensare che il tenore di zolfo si è ridotto dal 4.5%, allo 0,1% per la sosta in banchina a partire dal 01.01.2010, ed allo 0.5% per la navigazione a partire dal 01.01.2020) e viene costantemente monitorata dalla Capitaneria di Porto.

L’AdSP, sin dal 2017 (Decreto Presidenziale n.121), ha promosso un programma di incentivi teso a premiare le navi che utilizzano tecnologie e pratiche da cui derivano emissioni in atmosfera inferiori a quelle ammesse dalla Normativa vigente, anche attraverso la sottoscrizione di accordi volontari (quale è il Civitavecchia Blue Agreement, in base al quale alcuni armatori che scalano il Porto di Civitavecchia si sono impegnati ad utilizzare combustibile a 0.1% di tenore di zolfo già nella fase di avvicinamento al porto).

Tutte le iniziative intraprese dall’Ente sono state supportate da una analisi costi/benefici che ha riguardato anche l’installazione di collegamenti elettrici in banchina (c.d. elettrificazione delle banchine).

L’AdSP, seguendo le procedure emanate dalla Commissione Europea (Direttive 2014/94/UE e 2019/883/UE, o il Regolamento 2017/352/UE) e/o dal Governo italiano (D.lgs. 152/2006, D.lgs. 257/2016 o la L.84/1994), promuove la realizzazione, a cura e spesa di soggetti privati di tali impianti: favorendo la concessione di banchine a soggetti privati che si impegnano a realizzare ed usare, a loro cura e spesa, l’elettrificazione di tali banchine (Decreto Presidenziale n.254/2018), riducendo i costi operativi connessi all’uso di tali impianti attraverso una scontistica applicata al servizio di raccolta rifiuti bordo nave, recependo le recenti indicazioni della Commissione Europea (Decreto Presidenziale 226/2019). Con tale recente Decreto l’AdSP ha così varato un nuovo programma di incentivi (che entrerà in vigore il 01.09.2019) teso a diversificare ed estendere la platea dei soggetti beneficiari degli incentivi (e le relative tecnologie “green” impiegate dagli armatori) erogati dall’Ente (e coperti con fondi del bilancio dell’AdSP).

Più in generale, le nuove Norme in materia (entrate in vigore nell’ultimo decennio) e l’evoluzione tecnologica del settore marittimo hanno consentito di ridurre l’impatto dei traffici portuali sulla qualità dell’aria degli ambiti portuali e peri-portuali di Civitavecchia, come certificato dalle serie storiche registrate da ARPA Lazio, e sono le basi su cui si fondano le prossime azioni che l’AdSP metterà in campo, recependo le sollecitazioni del cluster portuale e della Città.

Vista la rapida e variegata evoluzione tecnologica, e gli stimoli provenienti dalla società civile e delle Istituzioni di Civitavecchia, l’AdSP darà pertanto anche spazio alla realizzazione, a cura e spesa di soggetti privati, della elettrificazione delle banchine assicurando in tal modo una positiva valutazione dei costi/benefici di tale tecnologia ed evitando quanto già accaduto in altri porti europei, dove gli impianti sono stati realizzati con fondi pubblici ma sono rimasti sotto-utilizzati mancando la domanda degli utenti.

Quanto sopra sintetizzato potrebbe essere l’oggetto di un pubblico confronto presso la sede che le Istituzioni del territorio ritengono la più opportuna, a cui sin da ora il Presidente di Majo assicura la sua partecipazione, considerata l’importanza della tematica ambientale da sempre alla base di tutte le azioni amministrative di questa AdSP.

Ufficio Stampa e Comunicazione
Autorità di Sistema Portuale Mar Tirreno Centro Settentrionale

Leggi anche:

  1. PORTO DI BRINDISI: ATTIVITA’ ISPETTIVA DEL COMANDO GENERALE DEL CORPO DELLE CAPITANERIE DI PORTO SULLO STATO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SECURITY IN PORTO E A BORDO DELLE NAVI
  2. Green Port: Arriva a Civitavecchia la prima nave alimentata a GNL
  3. PORTO DI ANCONA: ACCORDO GREEN PORT PER LA SOSTENIBILITA’ DELLE ATTIVITA’ PORTUALI
  4. UE invita la Grecia al rispetto delle norme sulla tonnage-tax
  5. Port&ShippingTech: tra i temi i corridoi logistici e le nuove norme sulle emissioni di Co2

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65989

Scritto da Redazione su ago 27 2019. Archiviato come Ambiente, Diporto, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab