Home » Europa, News, Porti » I porti europei asset di ‘Green Deal’

I porti europei asset di ‘Green Deal’

Bruxelles. La discussione di questi giorni presso il Parlamento europeo sul ‘Green Deal’ ha portato a riconoscere il ruolo importante che i porti possono svolgere nel processo decisionale. Ursula Von der Leyen, neo presidente della Commissione europea, nel suo intervento ai membri del Parlamento europeo ha dichiarato di essersi impegnata a consegnare, nei suoi primi100 giorni, un ‘Green Deal’ europeo in grado di rendere l’Europa il primo continente nel rispetto del clima e dell’ambiente entro il 2050.

La consapevolezza tra gli Stati membri e le Istituzioni dell’Ue diventa significativa nell’attuare un ‘Green Deal’; accordo per l’ambiente per offrire all’Europa la possibilità di abbandonare la frammentazione delle politiche e incoraggiare le parti interessate nei porti europei a favorire un uso sostenibile delle risorse pubbliche.

Il programma della Von der Leyen, presentato al Parlamento Ue, contiene venti diverse proposte politiche, che vanno dalla creazione di un piano d’investimenti per l’Europa sostenibile, all’introduzione di una tassa sulle frontiere del carbonio, alla trasformazione parziale della Banca Europea per gli Investimenti (BEI) in una ‘banca del clima’ e l’adozione di una nuova politica industriale per l’Europa. Per salvaguardare le politiche d’investimento in tecnologie pulite, l’Ue introdurrà una tassa sul carbonio – in ingresso in Europa – al fine di proteggere le industrie dal dumping ambientale, cercando di equilibrare le politiche industriali e climatiche.

La presidente della Commissione Ue ha affermato che sarà anche essenziale sfruttare il potenziale della digitalizzazione per implementare operazioni intelligenti, senza soluzioni di continuità, e sostenibili nel settore della logistica dei trasporti e creare posti di lavoro agevolando la creatività umana e la capacità di innovare. Infine, per la Von der Leyen, i porti europei non devono essere concepiti come beni ordinari, ma come piattaforme/laboratori avanzati in cui conciliare sia le politiche climatiche e sia quelle industriali dell’Ue, al fine di realizzare le priorità dell’Ue per il futuro.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porti Europei entrano in un mondo nuovo, Memorandum ESPO
  2. I porti mediterranei sono europei
  3. I porti europei non vogliono sostenere i costi dei rifiuti delle navi
  4. Porti del Nord Sardegna: primi atti concreti del laboratorio portuale green
  5. ESPO: i porti europei sul Piano Juncker

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66786

Scritto da Abele Carruezzo su set 13 2019. Archiviato come Europa, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab