Home » Ambiente, Italia, Marinas, News, Porti » GREENPEACE A ISCHIA CON DOLCENERA: “I NOSTRI MARI SONO A RISCHIO PLASTICA”

GREENPEACE A ISCHIA CON DOLCENERA: “I NOSTRI MARI SONO A RISCHIO PLASTICA”

ISCHIA- Greenpeace e la cantautrice Dolcenera lanciano oggi da Ischia, dove stanno partecipando al Blueblitz organizzato dall’Area Marina Protetta Regno di Nettuno, un grave allarme: i nostri mari e le nostre spiagge sono invasi dalla plastica usa e getta. I risultati preliminari di “Plastic radar”, l’iniziativa che raccoglie segnalazioni di rifiuti in plastica lungo mari, fiumi e laghi, lanciata da Greenpeace a inizio luglio, di cui la cantautrice è testimonial, lo confermano.

Sono tantissimi i rifiuti presenti sulle nostre spiagge e nei nostri mari: oltre 2 mila le segnalazioni raccolte finora e, a conferma di quanto registrato l’anno scorso, per oltre l’80 per cento di rifiuti di plastica usa e getta. Al primo posto, come per l’edizione 2018, le bottiglie di plastica (circa il 50 per cento dei rifiuti segnalati) seguite da imballaggi e confezioni per alimenti, sacchetti, bicchieri e tappi. Quanto osservato durante le attività svolte a Ischia in questi due giorni, sia in spiaggia che in mare, ne è un’ulteriore conferma.

In due giorni di attività è stata documentata da un lato l’incredibile biodiversità marina presente nell’area protetta, con un elevato numero di specie censite in alcuni punti di particolare pregio tra San’Angelo, Punta Pizzaco e la secca delle Formiche. Patrimonio messo sempre più a rischio però dall’inquinamento da plastica: nella sola mattina di oggi, in poco più di un’ora, i volontari di Greenpeace insieme a Dolcenera, ai collaboratori dell’AMP e agli alunni della scuola IIS “Cristofaro Mennella” hanno raccolto alcune decine di chili di rifiuti in plastica fra la spiaggia dei Pescatori e la spiaggia di San Pietro, lungo il litorale del Comune di Ischia. Rifiuti in plastica sono stati raccolti anche in mare, nei pressi degli scogli di Sant’Anna nella Baia di Cartaromana. La parte più rilevante dei rifiuti raccolti consisteva in plastica usa e getta, con bottiglie e packaging alimentare su tutti.

«I nostri mari nascondono immensi tesori che vanno tutelati con l’istituzione di aree protette. Quello che abbiamo visto però è che neanche queste aree sono indenni dal crescente inquinamento da plastica. Le grandi multinazionali continuano a produrre sempre più plastica usa e getta e i mari pagano le conseguenze di questo modello di produzione scellerato», dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile campagna inquinamento di Greenpeace Italia. «Da anni chiediamo alle grandi aziende, responsabili della commercializzazione dei maggiori volumi di plastica monouso, di assumersi le proprie responsabilità per salvare i nostri mari riducendo subito la produzione».

Il BlueBlitz è un’iniziativa dell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno per monitorare lo stato di salute del mare isolano, alla quale quest’anno partecipa Greenpeace per sensibilizzare le persone sul grave problema dell’inquinamento da plastica in mare. Squadre congiunte di sub dell’Area marina e di Greenpeace si sono immerse per documentare fotograficamente la biodiversità dei fondali.

In contemporanea, sia in spiaggia che sui fondali, sono state organizzate attività di raccolta e catalogazione dei rifiuti in plastica secondo la metodologia del “brand audit” promossa dalla coalizione internazionale Break Free From Plastic di cui Greenpeace fa parte. Durante il mese di settembre infatti la coalizione e Greenpeace stanno promuovendo in tutto il mondo queste attività che servono non solo a ripulire le spiagge e i mari ma a individuare le tipologie e i marchi a cui sono riconducibili i rifiuti maggiormente presenti.

“L’area fra Ischia e Procida ha un enorme valore ambientale. Quanto abbiamo visto indica che c’è bisogno sempre più del sostegno di tutti per proteggere questo patrimonio, sia cambiando le nostre abitudini rispetto all’utilizzo della plastica monouso che imparando a segnalare quanto si osserva sulle spiagge e in mare, per questo siamo felici della collaborazione con Greenpeace. Da più di un anno tutti i cittadini dell’AMP hanno uno strumento in più per fare la loro parte, attraverso il nostro sito di citizen science (www.citizensciencerdn.org). È fondamentale lavorare insieme ai cittadini per tutelare la biodiversità” dichiara Antonino Miccio, direttore f.f. dell’Area marina protetta Regno di Nettuno.

Questa sera Dolcenera, testimonial di Plastic Radar di Greenpeace, reduce dal successo di “Amaremare”, inno alla tutela del mare dall’inquinamento da plastica, regalerà un concerto, piano e voce, a tutti i partecipanti alle attività, mentre i risultati finali del monitoraggio subacqueo e terrestre saranno presentati durante un evento pubblico domani mattina presso la Biblioteca Antoniana di Ischia Ponte.

Leggi anche:

  1. VIDEO DOLCENERA E GREENPEACE INSIEME PER DIFENDERE IL MARE DALLA PLASTICA
  2. GREENPEACE: TORNA PLASTIC RADAR, UN WHATSAPP PER SEGNALARE I RIFIUTI IN PLASTICA NEI NOSTRI MARI, LAGHI E FIUMI
  3. PLASTICA, GREENPEACE NAVIGA NELL’HOTSPOT DEL TIRRENO
  4. IL TOUR MAYDAYMAYDAY SOS PLASTICA DI GREENPEACE E THE BLUE DREAM PROJECT SBARCA IN SARDEGNA
  5. INQUINAMENTO DA PLASTICA-GREENPEACE: ALLA FOCE DEL SARNO UNA SITUAZIONE SCIOCCANTE

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66832

Scritto da Redazione su set 14 2019. Archiviato come Ambiente, Italia, Marinas, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab