Home » Infrastrutture, Internazionale, News, Porti, Trasporti » Shanghai è il porto container meglio collegato al mondo e Rotterdam ai vertici della classifica in Europa

Shanghai è il porto container meglio collegato al mondo e Rotterdam ai vertici della classifica in Europa

Lancio della web-application Port Liner Shipping Connectivity Index (Port LSCI) fornisce dati di benchmarking sui principali fattori del cambiamento

Chester, UK-  Shanghai è il porto containerizzato meglio collegato al mondo, con Singapore al secondo posto e Ningbo al terzo posto nel Port Liner Shipping Connectivity Index (Port LSCI) sviluppato congiuntamente da MDS Transmodal e UNCTAD. Il Port LSCI descrive la relativa connettività per il trasporto di container di ciascun porto container rispetto a Hong Kong nel Q3 del 2006, che all’epoca era il porto meglio collegato ma ora è solo 5 ° nella classifica mondiale con un indice di 101.

Shanghai, con un indice di 132 nel terzo trimestre del 2019, ha migliorato la sua connettività nell’ultimo anno, mentre quello di Singapore è leggermente diminuito a 123 a causa di un calo del numero di servizi marittimi e del numero di compagnie di navigazione che servono il porto, nonostante un aumento della capacità totale oferta e un aumento delle dimensioni delle navi.

Rotterdam è ai vertici della league europea e mediterranea della connettività per il trasporto di container e il suo Port LSCI è migliorato da 90 a 92 negli ultimi dodici mesi. Al contrario Anversa ha perso il primo posto dopo che il suo indice è sceso da 91 a 90. Alcuni porti del Mediterraneo, come Barcellona, ​​Valencia, Tanger Med e Pireo hanno visto salire i loro indici nell’ultimo anno grazie ad una maggiore offerta sulla tratta commerciale Far East-Mediterraneo.

MDS Transmodal ha annunciato oggi il lancio della sua web-application Port Liner Shipping Connectivity Index (Port LSCI), un nuovo servizio online della società di consulenza marittima e di trasporto merci con sede nel Regno Unito. Port LSCI consente agli abbonati di analizzare i fattori che influenzano il LSCI pubblicato da UNCTAD ad agosto.

“Abbiamo sviluppato la metodologia per il Port LCSI con UNCTAD, che ha pubblicato i risultati complessivi per ciascuno porto analizzato lo scorso agosto”, ha dichiarato Antonella Teodoro, Senior Consultant presso MDS Transmodal. “Ma volevamo fornire anche i dati alla base dei risultati in modo che gli utenti del servizio possano capire perché gli indici dei porti stanno cambiando”.

Le caratteristiche e i vantaggi della web-application Port LSCI includono:

-Dati oggettivi e trasparenti per confrontare e spiegare i cambiamenti nella connettività dei porti container;

-Accesso GRATUITO al Port LSCI per i quasi 1.000 porti container mondiali per il terzo trimestre del 2019 rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente;

-Accesso PREMIUM ai sei componenti su cui si basa Port LSCI per ciascuno dei 100 migliori porti container al mondo nel terzo trimestre del 2019 rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente;

-Copertura globale, con dati disponibili su richiesta per i restanti 900+ porti container;

-Sviluppato utilizzando gli stessi dati usati da UNCTAD/MSDT per Port LSCI pubblicato nell’agosto 2019.

La web-application Porti LSCI è ora disponibile online all’indirizzo: https://www.portlsci.com

Leggi anche:

  1. Container, record storico a giugno per il Porto di Genova
  2. Porto di Genova: container in crescita ma rallentano traffici
  3. Porto di Venezia: superato nel 2014 numero record container
  4. Porto di Napoli: container in calo del 10,5%
  5. Porto di Rotterdam: nell’ultimo trimestre 110,6 milioni di tonnellate di merci

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66982

Scritto da Redazione su set 17 2019. Archiviato come Infrastrutture, Internazionale, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab