Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti » Regione Calabria-Porti di quinta generazione, Russo: “Fondamentali le nuove tecnologie 5G e IoT”

Regione Calabria-Porti di quinta generazione, Russo: “Fondamentali le nuove tecnologie 5G e IoT”

Il Vicepresidente della Regione ha partecipato ad un seminario che si è svolto presso l’Aula di Teledidattica di Ingegneria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria

Il Vice Presidente della Regione, prof. Francesco Russo, ha partecipato ai lavori del seminario “Towards the ports of the Future: Le tecnologie 5G e IoT per le infrastrutture portuali, che si è svolto presso l’Aula di Teledidattica di Ingegneria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria. Il seminario è stato introdotto dal Prof. Tommaso Isernia, direttore del Dipartimento DIIES che ha sottolineato come le aree di Trasporti e di ICT del DIIES possono avere un importante campo di convergenza nel tema oggetto dei lavori del seminario.

Durante il dibattito sono state affrontate tematiche inerenti l’utilizzo delle più innovative tecnologie ICT presenti sul mercato, tra le quali Internet of Things e 5G, per la digitalizzazione delle infrastrutture e delle attività portuali, al fine di renderle più efficienti, efficaci e sostenibili. Il relatore è stato il dott. Paolo Pagano, ricercatore del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni, responsabile di un gruppo di ricerca sulle reti IoT a Pisa (Network of Embedded Systems area) e dal 2015 direttore del laboratorio congiunto istituito fra l’Autorità Portuale di Livorno (oggi Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale) ed il CNIT sul networking avanzato.

Il dott. Pagano ha presentato le sperimentazioni in corso nel Porto di Livorno che prevedono l’utilizzo della rete 5G e di reti di sensori di ultima generazione per la connettività di automezzi, navi e merci nell’area del Porto. Il tema è di grande interesse per via della sua trasversalità tra Trasporti ed ICT e della sua estrema attualità.

Nel corso del suo intervento il Prof. Russo ha richiamato l’evoluzione dei porti, evidenziando come la frontiera attuale sia quella dei porti di quinta generazione con l’integrazione tecnologica orizzontale e verticale dei soggetti che operano nei porti. I sistemi ICT costituiscono e costituiranno sempre più il perno per l’organizzazione delle funzioni portuali nei porti di quinta generazione. Gioia Tauro si avvia a diventare di quinta generazione con l’entrata in scena di MSC che produce un alto grado di integrazione verticale, mentre si registra qualche ritardo nell’integrazione orizzontale, ritardo che sarà colmato con l’operatività del PCS in tutti i porti dell’Autorità di Sistema.

Il Vice presidente ha evidenziato quanto sia importante l’integrazione tecnologica orizzontale del porto core TEN-T di Gioia Tauro con i porti di Corigliano, Crotone e Vibo Valentia per rendere competitivo il sistema portuale calabrese a scala internazionale, proiettando tutti i porti dell’ Autorità in un percorso che conduca alla quinta generazione. Il Prof. Russo, infine, ha richiamato la grave decisione del Governo Nazionale di togliere i porti di Reggio Calabria e Villa San Giovanni dal Sistema Portuale della Calabria impedendo di partecipare a questo importante percorso, relegandoli in una Autorità di Sistema senza porti core europei.

Leggi anche:

  1. Regione Liguria: Interreg 2014-2020, Regione Liguria capofila del Progetto Ermes
  2. La Regione Calabria partecipa al 59° Salone Nautico di Genova
  3. Regione Calabria: Programmazione Fondi Europei 2021-2027: incontro a Roma
  4. Stanziate nuove risorse per opere ed escavi nei porti di Venezia e di Chioggia
  5. Regione Calabria: 15 mila nuovi posti barca

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67450

Scritto da Redazione su set 24 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab