Home » Italia, Legislazione, Nautica, News, Porti, Trasporti » Per mare e trasporti “green” inizia da MOLA DI BARI

Per mare e trasporti “green” inizia da MOLA DI BARI

Mola di Bari-La Thesi S.r.l. di Mola di Bari da oltre venti anni ha un “mare di cose da dire”, ma soprattutto da fare circa la formazione superiore dei marittimi imbarcati su navi mercantili.  La Costa Crociere, leader nel mondo delle crociere, ha scelto di sostenere il clima e di salvaguardare l’ambiente marino con l’uso di combustibili green per la propulsione delle sue navi.

S’Inizia con la sua nuova ammiraglia, la Costa Smeralda, una nave lunga 337 metri che ospita 6522 passeggeri con 1678 di equipaggio. Costa Smeralda è una nave “green” perché utilizza la nuova tecnologia di propulsione con combustibile LNG.  Si tratta del combustibile fossile più “pulito” in commercio e rappresenta la soluzione maggiormente praticabile per gestire i limiti sempre più stringenti nell’ambito delle emissioni.

L’uso del LNG permette, infatti, di azzerare le emissioni di anidride solforosa (SOx), di ridurre del 25% quelle di anidride carbonica (CO2), dell’85% quelle di ossidi di azoto (NOx) e del 95% quelle dei particolati (PMs). LNG, combustibile inodore, atossico  e non corrosivo, per la Costa Crociere è stata una scelta strategica  per rispondere agli obiettivi dell’Agenda 2030 di sviluppo sostenibile e nel rispetto delle norme internazionali, IMO  Solas, Marpol e STCW, la Costa Smeralda è una nave soggetta a Codice IGF (International Code for Ships  using gases and other Low Flashpoint Fuel -  Codice di Sicurezza internazionale per la nave che utilizza gas o altri combustibili a basso punto di infiammabilità).

Per questo i comandanti, gli ufficiali di macchina e chiunque altro abbia diretta responsabilità per la cura e l’utilizzo dei gas come combustibile e dei relativi sistemi di buncheraggio a bordo di queste navi devono essere in possesso di un certificato di addestramento avanzato per poter prestare servizio a bordo di tali unità (D.M.16/11/ 2017n. 282, dispone l’istituzione del corso di formazione e addestramento per il personale marittimo in servizio su navi soggette al Codice IGF).

Il corso definisce le conoscenze e l’addestramento necessari per acquisire le competenze in materia di gestione, funzionamento dei sistemi a gas o altri combustibili con basso punto d’infiammabilità, nonché la conoscenza degli aspetti di sicurezza, di emergenza e di protezione ambientale correlati alla movimentazione, allo stoccaggio e all’utilizzo degli stessi come combustibili.

Oggi, a Mola di Bari, presso la Thesi – Centro di Alta Formazione per Marittimi – ha avuto inizio per Comandanti e Ufficiali di Costa  Smeralda  il primo corso di formazione e addestramento  sui combustibili green.  “E’ con orgoglio – afferma il direttore del Centro, Comandante Simone Quaranta – che vi comunichiamo di essere l’UNICO Centro di Formazione in Italia, autorizzato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a somministrare il corso di Formazione e Addestramento per il personale marittimo in servizio su navi soggette al Codice IGF”.

Ed ancora, “… quando vedrete questo immenso colosso solcare i mari o in qualche spot televisivo, quando farete una meravigliosa crociera su questa splendida nave , sappiate che THESI S.r.l. ha permesso che questa moderna ed innovativa nave potesse operare!  La propulsione a Metano di questa nave verrà gestita da Ufficiali di altissimo livello tecnico, abilitati dal Comando generale delle Capitanerie, a seguito di un intensissimo percorso formativo eseguito da THESI S.r.l.”.

Conquistare la fiducia del maggior Operatore mondiale delle crociere (Gruppo Carnival) per questa fondamentale fase epocale del loro sviluppo tecnico e commerciale, riempie di legittimo orgoglio l’intero staff della Thesi e con l’augurio che il futuro della propulsione e navigazione marittima italiana inizia a MOLA DI BARI.

Abele Carruezzo


© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Un mare di cose dette e fatte da THESI
  2. MARINA MILITARE: CONFERENZA DI PRESENTAZIONE “GREAT GREEN FLEET”
  3. MARINA MILITARE: LA FLOTTA VERDE PRENDE IL MARE, CONTINUA LA SPERIMENTAZIONE DEL GREEN DIESEL
  4. THESi: innovazione continua per un mare di cose da fare
  5. Mola di Bari: Marineria e marittimi in festa

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67523

Scritto da Abele Carruezzo su set 25 2019. Archiviato come Italia, Legislazione, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab